Condividi

Ad Augusta sbarco nel pomeriggio, l’Acquarius compie 4 salvataggi

lunedì 5 Dicembre 2016
migranti
Foto di repertorio

Continuano le operazioni di soccorso nel Mediterraneo, con la Sicilia in prima linea. Ad Augusta nel pomeriggio sbarcherà 438 migranti a bordo del pattugliatore Samuel Beckett della marina militare irlandese. A bordo anche 14 cadaveri di extracomunitari recuperati in mare, da tre gommoni e un barchino, durante operazioni di soccorso nel Canale di Sicilia ma protagonista di questi giorni è l’imbarcazione Aquarius di Sos Mediterranée che, in pochi giorni, ha effettuato quattro operazioni di salvataggio nel Mediterraneo; dopo un primo salvataggio sabato mattina, che ha consentito di trarre in salvo 143 persone a bordo di un gommone che aveva già cominciato a imbarcare acqua, è stata soccorsa una piccola barca di legno con 31 profughi africani tutti uomini poi trasferiti a bordo della Phoenix che, dalle coste libiche, sta tornando in Italia.

Il terzo salvataggio ha avuto luogo intorno alle 3.50 della mattina quando la Aquarius ha avvistato un gommone sovraffollato e già quasi sgonfio. I profughi a bordo, quasi tutti nigeriani (142), erano in forte stato di agitazione; due donne sono state rinvenute prive di sensi e purtroppo sono spirate in gravi condizioni di ipotermia poco dopo essere state trasportate sull’Aquarius per ricevere le cure. Tra i sopravvissuti 70 sono gli uomini e 76 le donne, di cui 4 in stato di gravidanza. 24 i minori, di cui 21 non accompagnati. Un altro intervento alle 7.00 del mattino, quando il SAR team della Aquarius ha soccorso altre 24 persone (23 uomini e una donna, 22 etiopi e 2 gambiani, 17 i minori, tutti non accompagnati) a bordo di un piccolo gommone in buone condizioni e di buona qualità, individuato e monitorato dalle navi container Alexander Maersk e Vos Thalassa.

La giornata si è conclusa infine con il trasferimento sulla Aquarius di 152 profughi tratti in salvo dalla nave mercantile OOC Tiger. Si trovavano a bordo di un gommone e una barca di legno. Si tratta di 108 uomini e 44 donne, di cui sei in stato di gravidanza, 11 minori di cui 6 non accompagnati e due sotto i 5 anni. La maggior parte (112) proviene dalla Nigeria. “Le buone condizioni climatiche ed il mare piatto sono stati veramente d’aiuto, ma nel Mediterraneo durante l’inverno il tempo può cambiare molto rapidamente e con onde alte anche solo 1 metro sarebbe stata una tragedia ancora più grave“, questo quanto afferma Mathias Menge, coordinatore Sar. I 143 profughi salvati sabato mattina erano stati trasferiti già ieri a bordo della Phoenix (MOAS) che sta rientrando in Italia. Attualmente si trovano dunque a bordo della Aquarius 353 anime, tra cui 232 uomini, 121 donne (10 incinta) di cui 66 minori e due bambini sotto i 5 anni.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.