Condividi

Al via test di ingresso a Medicina: sit in studentesco all’Università di Palermo

martedì 6 Settembre 2022

Al via oggi i test d’ingresso alla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Sono 65.378 gli aspiranti dottori attesi oggi, che si contendono 15.876 posti disponibili.

Sarà solo uno su quattro che ce la farà. I candidati dovranno rispondere a 60 quesiti a risposta multipla (5 le opzioni di risposta previste). Il tempo a disposizione è di 100 minuti. Il punteggio massimo previsto per la valutazione delle prove è di 90 punti.

Il 15% del test riguarda un quiz di ragionamento logico, ragionamento numerico e humanities. La restante percentuale del test è attribuita alle materie disciplinari (biologia, chimica, fisica e matematica). Nello specifico sono previsti 4 quesiti di competenze di lettura e conoscenze acquisite negli studi; 5 quesiti di ragionamento logico e problemi; 23 quesiti di biologia, 15 quesiti di chimica e 13 quesiti di fisica e matematica. Non mancano le polemiche.

All’Università di Palermo, questa mattina si è svolta una protesta contro i test di ingresso alla facoltà di Medicina organizzato dal Laboratorio studentesco autonomo.

«La pandemia non ha insegnato nulla. Stop ai test d’ingresso». È questa la scritta su uno degli striscioni appesi di fronte l’edificio 19 di viale delle Scienze.

Due anni di pandemia – spiega Giovanni Castronovo al megafono – dovrebbero aver dimostrato a tutti quanto il nostro sistema sanitario sia inadeguato: mancano i fondi, la strumentazione e soprattutto il personale sanitario. Eppure, invece di investire per garantire un sistema sanitario che sia davvero pubblico ed efficiente, in grado di aiutare chi sta male e non può permettersi di andare a curarsi nelle cliniche private, ci ritroviamo ancora con il numero chiuso che ogni anno impedisce a più di 50 mila aspiranti medici di esercitare il proprio diritto allo studio per poi garantire a tutti il diritto alla salute. A Palermo quest’anno sono disponibili 475 posti a medicina: una miseria, che costringerà migliaia di ragazzi a iscriversi in altre facoltà, a emigrare o addirittura a non frequentare l’università“.

E anche per chi ce la fa ad entrare e concludere il ciclo di studi con la laurea, ci sarà un nuovo ostacolo: la trappola dei concorsi di specializzazione. “Ogni anno più di 15000 laureati in medicina sono costretti a sottoporsi all’ennesimo test, che impedirà a più di 3000 di loro di specializzarsi“, dice il comitato studentesco.

Con strutture fatiscenti o che mancano del tutto, malati lasciati in barella nei corridoi per mancanza di spazio, file assurde nei pronto soccorso e liste d’attesa infinite, mentre i medici e il resto del personale sanitario sono stati costretti a fare i tripli turni, o a essere richiamati nonostante la pensione durante la pandemia, come si può pensare di mantenere il numero chiuso? Servono nuovi medici giovani in grado di tenere aperti i reparti e i presidi sanitari quartiere per quartiere, paese per paese”, aggiunge Dario Palazzolo del Laboratorio studentesco autonomo.

La settimana precedente il test è stata accesa dalla discussione sul mantenimento del numero chiuso a Medicina, con la proposta di abolizione lanciata in campagna elettorale dal leader della Lega Matteo Salvini e ripresa, pur con le dovute cautele, tanto dalle istituzioni quanto dalle associazioni universitarie.

Sono 37 le aule messe a disposizione dall’Ateneo palermitano tra viale delle Scienze e via Parlavecchio (nei pressi del Policlinico) con la disposizione ministeriale, valida solo per Medicina, di suddividere i candidati in base non all’ordine alfabetico ma alla data di nascita; obbligatorio inoltre l’utilizzo della mascherina Ffp2 per accedere alle aule.

L’avvio del test è previsto alle 13 e avrà una durata complessiva di un’ora e quaranta minuti.

Massimo Midiri

Il mio messaggio ai ragazzi è di affrontare il test con il massimo della serenità anche perché, trattandosi di una prova altamente selettiva, so quanta preparazione ci sarà stata dietro – ha sottolineato all’Italpress il rettore dell’Università di Palermo, Massimo Midiri -. Le nostre aule sono tutte capienti e comode e i colleghi che hanno dato disponibilità per monitorare il buon andamento del test sono oltre 200″.

Midiri ha poi espresso una riflessione sull’eventuale abolizione del numero chiuso: “La pandemia ha messo in luce come l’aumento del numero dei medici sia diventato un tema imprescindibile: certamente è una questione che andrà rivista, e che già si sta rivedendo in Parlamento, perché abbiamo già constatato come ci siano sanitari che mancano. Il problema è in primo luogo strutturale: bisogna aumentare la capienza delle aule e investire maggiormente sul numero dei docenti“.

Sul tema è stato organizzato un presidio di protesta fuori dall’edificio 19, con tre striscioni sulla scalinata esterna e firmati dal Collettivo universitario autonomo (Cua) e dall’Unione degli universitari (Udu). “Riteniamo che il sistema basato sul numero chiuso sia iniquo e che manchi la volontà di investire nel campo della medicina e in generale nell’istruzione universitaria – ha sottolineato Valerio Quagliano, coordinatore Udu -. Sull’aumento del numero dei medici c’è stata un’apertura, ma nulla di più. Serve una riforma strutturale del test di Medicina: l’ultima messa in campo dal governo non è adatta”.

I prossimi mesi, con un nuovo esecutivo all’opera, daranno un maggiore riscontro su come verrà affrontata la questione.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.