Condividi

Approvata nomina di Demontis come Procuratore aggiunto a Palermo, il Tar respinge il ricorso

lunedì 7 Settembre 2020
tribunale di palermo

Nessuna illegittimità nella nomina di Sergio Demontis a Procuratore aggiunto di Palermo. L’ha deciso il Tar del Lazio con una sentenza con la quale ha respinto un ricorso proposto dal Sostituto procuratore Francesca Mazzocco.

In contestazione c’era il provvedimento con il quale il Plenum del Csm, nel settembre 2018, approvò la proposta di conferimento a Demontis di uno dei quattro uffici semi-direttivi di Procuratore aggiunto presso il Tribunale di Palermo pubblicati nel 2016, nonché il conseguente decreto del Ministro della Giustizia di conferimento dell’incarico stesso.

Demontis era stato già prescelto per l’assegnazione nel 2017, ma la nomina, impugnata dalla stessa Mazzocco, era stata annullata dal Tar per difetto nella motivazione e nel giudizio di comparazione tra i candidati. Il 2 settembre 2018, però, il Csm, dopo una nuova comparazione tra tutti i candidati, giunse allo stesso esito. Di qui, il nuovo ricorso. Il Tar, dopo aver illustrato in premessa l’iter procedimentale da seguire per il conferimento degli incarichi, ha ritenuto infondata la tesi della ricorrente secondo la quale la Commissione che ha riesaminato la pratica in seguito all’annullamento della delibera da parte del tribunale si è riunita nella medesima composizione nella quale aveva deliberato l’originario conferimento dell’incarico.

“La Commissione referente non ha potere deliberativo, ma solo istruttorio e di proposta. Il potere deliberativo è riservato esclusivamente al Plenum del Consiglio, l’unico a poter esprimere la volontà del Consiglio all’esterno, uniformandosi o discostandosi dalla proposta di conferimento della Commissione. Pertanto la composizione della Commissione non è idonea ad inficiare la legittimità della delibera del Plenum, che con propria autonoma determinazione ha approvato la nomina“, si legge nel documento.

Sul tema della ritenuta violazione della precedente sentenza, poi, per i giudici tutto è stato regolare. Infine, riguardo la parte del ricorso con il quale è stato censurato il nucleo essenziale della comparazione operata dal Csm, il Tar ha ricordato come “per consolidata giurisprudenza, nel conferimento degli incarichi direttivi e semi-direttivi il Csm gode di un ampio margine di apprezzamento che è sindacabile, in sede di legittimità, solo se inficiato per irragionevolezza, omissione o travisamento dei fatti, arbitrarietà o difetto di motivazione“; e lo stesso è giunto “ad un giudizio di prevalenza sulla base di valutazioni discrezionali che non presentano aspetti di illogicità e risultano correttamente ancorate all’analisi dell’attività svolta e delle funzioni di rilievo organizzativo espletate“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Assessore Messina: “Maggio 2023, siciliani alle urne. Province? Legge entro l’anno e voto nel 2024” CLICCA PER IL VIDEO

L’assessore regionale alle Autonomie Locali e alla Funzione Pubblica, Andrea Messina è l’ospite della puntata 226 di Bar Sicilia. Intervistato da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Messina ha parlato di diversi argomenti tra cui le prossime amministrative siciliane, dei tempi necessari al ripristino delle ex Province, delle difficoltà in cui versano i Comuni e delle…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.