Condividi

Avrebbero truffato Inail e Inps con falsi infortuni. In 29 a giudizio, tutti i nomi

giovedì 22 Marzo 2018
truffa-aste-giudiziarie

Il Gup del tribunale di Agrigento, Alessandra Vella, ha rinviato a giudizio i 29 indagati del secondo filone dell’inchiesta “Demetra“. Si ipotizza un giro di falsi infortuni sul lavoro messo in piedi, con la complicità di medici e faccendieri per truffare l’Inail.

Per alcuni episodi, forse commessi entro il 21 settembre 2010, è stata dichiarata la prescrizione. L’indagine dei carabinieri, che il 28 giugno 2013 fece scattare sette arresti, ha già portato a tredici condanne in abbreviato e due patteggiamenti.

Il secondo filone è appena approdato in aula. Gli inquirenti credono che si tratti di una truffa, anche ai danni dell’Inps, attraverso la creazione di false aziende che sarebbero esistite solo sulla carta con la finalità di simulare infortuni per ottenere indennizzi o interrompere i finti rapporti di lavoro e incassare le indennità di disoccupazione o usufruire dei contributi pensionistici.

Tutti i nomi: Giuseppe Vincenzo Terrazzino, 54 anni di Raffadali, i medici Salvatore Conti, 60 anni, di Agrigento e Salvatore Russo, 39 anni, di Aragona; poi Angelo Sanfilippo, 41 anni, di Favara; Anna Fiore, 58 anni, di Raffadali; Salvatore Russo, 54 anni, di Raffadali; Maria Giuseppina Maragliano, 48 anni, di Raffadali.

Gaetano Pollicino, 33 anni, di Aragona; Domiziana Maria Maragliano, 27 anni, di Raffadali; Salvatore Maragliano, 55 anni, di Raffadali; Antonino Maragliano, 33 anni, di Raffadali; Giovanni Attardo, 50 anni, di Aragona; Cinzia Sacco, 38 anni, di Raffadali; Giuseppe Galvano, 69 anni, di Raffadali; Paolina Sacco, 45 anni, di Raffadali.

Vincenzo Vella, 57 anni, di Raffadali; Anita Gattarello, 43 anni, di Raffadali; Pietro La Rosa, 68 anni, di Agrigento; Calogero Ciulla, 29 anni, di Santa Elisabetta; Salvatore Catalano, 50 anni, di Santa Elisabetta; Alfonso Pistone, 57 anni, di Joppolo; Margherita Cuffaro, 52 anni, di Joppolo.

Salvatore Vullo, 49 anni, di Santa Elisabetta; Antonio Bentivegna, 53 anni, di Favara, Ludovico La Marca, 56 anni, di Raffadali; Francesca Tornabene, 32 anni, di Raffadali; Sharon Ciffa, 25 anni, di Porto Empedocle; Luigia Chiara, 61 anni, di Aragona; Giuseppe Maragliano, 49 anni, di Raffadali; e Giuseppe Vella, 31 anni, di Raffadali.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Da donna Sarina c’è Nino Alibrandi (Cisl), il sindacalista operaio figlio di vittima di mafia: “Messina ha perso la memoria” CLICCA PER IL VIDEO

Il segretario generale della Cisl di Messina si racconta a donna Sarina. Nato in periferia, operaio metalmeccanico, il papà è stato ucciso della mafia

BarSicilia

Bar Sicilia, a Capaci per ricordare Falcone e le vittime di mafia. Con Valeria Grasso fatti in esclusiva CLICCA PER IL VIDEO

Sono passati 31 anni dalle stragi mafiose, e il 23 maggio si ricorderanno le vittime che per tutta la loro vita si sono dedicate alla lotta contro Cosa Nostra con spirito di abnegazione.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.