Condividi

Blitz Ermes 2. Arrestati 11 fiancheggiatori di Messina Denaro. Ci sono anche il figlio di Agate e un giornalista del Gds [Video]

martedì 20 Dicembre 2016

Lo zampino del latitante Matteo Messina Denaro nel territorio di Mazara del Vallo. E’ questo il cuore del blitz Ermes 2 eseguito stamane dagli agenti della Polizia di Trapani. Appalti ma anche controllo del territorio sfrenato. Undici gli arrestati e tre società sequestrate dal gip del Tribunale di Palermo su richiesta della Procura antimafia che ha coordinato l’inchiesta. Settanta gli agenti di Trapani, di Palermo, di Mazara del Vallo e di Castelvetrano impegnati nell’operazione. Un solco tracciato dalle risultanze emerse nelle passate operazioni.

 

Alcuni nomi sono noti. A partire da Carlo Loretta, già condannato per mafia dal gup di Palermo, ed Epifanio Agate, figlio del boss Mariano, con in tasca una laurea in giurisprudenza alla Luiss di Roma, già emerso durante un indagine su un maxi traffico di droga con i paesi latinoamericani, quando prendeva ordini dal padre detenuto. Già nell’operazione Ermes, uno degli arrestati, Vito Gondola (tuttora sotto processo dinanzi al tribunale di Marsala) in seguito alla morte di Mariano Agate diceva, “devi dire ad Epifanio che lui ha perduto suo padre, io ho perduto mio fratello“. Gondola era il capo del clan mazarese e secondo gli inquirenti, nell’acquisizione degli appalti, avrebbe seguito le direttive di Messina Denaro in persona.

Ad agevolare le indagini coordinate dalla procuratrice aggiunta Teresa Principato e dai pm Paolo Guido, Carlo Marzella e Gianluca De Leo alcune dichiarazioni del collaboratore di giustizia, Lorenzo Cimarosa, cugino acquisito del boss, arrestato durante l’operazione Eden del dicembre 2013. Al centro dell’indagine anche il parco eolico Vento di Vino già emerso nell’operazione antimafia Ermes e i lavori di ristrutturazione dell’ospedale civile “Abele Ajello” di Mazara del Vallo. Interventi ottenuti in subappalto che, precisa la direzione strategica aziendale dell’ASP di Trapani precisa furono “revocati dall’ASP già due mesi prima dell’interdittiva antimafia della Prefettura, sulla base di timori emersi in alcune notizie di stampa. Tale ditta lavorò solo circa un mese in cantiere. Nel seguire i lavori il settore tecnico dell’Asp ha sempre operato in accordo con la prefettura di Trapani”.

Tra gli indagati, secondo l’agenzia di stampa Adnkronos, c’è anche un giornalista. Si tratta di Filippo Siragusa, collaboratore del Giornale di Sicilia, che è accusato di intestazione fittizia di beni. Al cronista è stato applicato l’obbligo di dimora. Sul suo profilo Facebook il giornalista tiene la fotografia con il pm Nino Di Matteo e un carabiniere del Gis con il mephisto scattata nel corso di un incontro pubblico che aveva moderato. Proprio di recente, Filippo Siragusa aveva scritto dell’operazione antimafia condotta dai Carabinieri che avevano portato in carcere diversi esponenti dei Cosa nostra. Inoltre, organizzava spesso convegni sull’antimafia con esponenti del mondo delle istituzioni.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.