Condividi

Bonus Covid negato al personale Villa Sofia-Cervello, Caronia: “Nominare componente collegio revisori” | VIDEO

lunedì 31 Maggio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Scoppia la protesta del personale medico e sanitario che attende da tempo l’erogazione del Bonus Covid, l’azienda Ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello, che è il Covid Hospital di Palermo, non paga le indennità ai lavoratori a causa della mancata nomina di un componente del collegio dei revisori e di fatto sono bloccati tutti i riconoscimenti economici dovuti, tra questi anche  le progressioni economiche orizzontali (PEO).

La notizia che il personale medico e sanitario degli ospedali Cervello e Villa Sofia non ha ancora ricevuto il bonus una tantum previsto dalla legge regionale è a dir poco incredibile, considerando che proprio il Cervello è stato il primo ospedale interamente convertito per i pazienti Covid e, soprattutto, alla luce del lavoro straordinario svolto per mesi dal suo personale”, ha dichiarato Marianna Caronia, deputata di Forza Italia all’Assemblea regionale siciliana, lamentando il fatto per cui “la mancata nomina di un revisore dei conti non può essere il motivo per cui si blocchi l’erogazione di questa somma”.

Non possiamo per altro dimenticare che proprio fra i dipendenti del Cervello si sono registrati anche alcuni casi di Covid nella prima fase della pandemia, a dimostrazione del grandissimo impegno e della dedizione con cui ognuno di loro si è speso per salvare la vita di centinaia di cittadini non solo di Palermo ma di tutta Italia”.

Apprendere che, mentre i dipendenti del Civico e del Policlinico hanno già ricevuto l’indennizzo, quelli dell’Azienda Villa Sofia-Cervello sono ancora in attesa, non può che lasciare perplessi. Occorre che l’azienda – prosegue la parlamentare di Sala d’Ercole –  e la Regione non vanifichino la volontà espressa dall’Assemblea Regionale Siciliana e, soprattutto, non mortifichino il lavoro, la professionalità e la passione del personale medico e sanitario, che è invece la spina dorsale di questi due ospedali. Seguirò da vicino – conclude Caronia-  l’evoluzione di questa vicenda che non può diventare ennesimo simbolo di disattenzione verso la sanità e i suoi lavoratori.

“Non possiamo muoverci se l’Assessorato alla Sanità non risponde alle nostre richieste, nominando il componente mancante del collegio dei revisori, senza la loro approvazione dei fondi, l’amministrazione non paga”, così ha risposto la direzione generale di Villa Sofia – V. Cervello, secondo la relazione dei sindacati.

Quindi, l’Amministrazione ha affermato che si muoverà come sta già facendo in base ai decreti assessoriali di riferimento, ma che non può in nessun modo, nonostante capisca le esigenze del personale, pagare qualsiasi indennità senza l’autorizzazione dei Revisori o
dell’Assessore in prima persona.

Le organizzazioni sindacali  hanno chiesto di dare priorità alle esigenze dei lavoratori, che hanno lavorato fino ad ora senza un attimo di respiro e senza alcun ristoro economico. FIALS, NURSIND, NURSING UP e UIL hanno ribadito in coro la propria contrarietà alla posizione assolutistica dell’Azienda sanitaria di Palermo in questione, perciò hanno annunciato un sit-in di protesta a Piazza Ottavio Ziino martedì, l’8 giugno, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 “non possono permettere che i diritti dei lavoratori vengano rinviati a data da destinarsi”, così è manifestato in una nota dei sindacati prossimi allo sciopero presso l’Assessorato della Salute, al termine di un incontro con l’amministrazione, dopo che nei giorni scorsi i sindacati avevano manifestato davanti alla sede di viale Strasburgo.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Lombardo a Bar Sicilia: “Autonomia sfida da cogliere, con la Lega patto federativo” CLICCA PER IL VIDEO

Dall’autonomia differenziata ai precari equilibri tra partiti. Ospite della puntata di Bar Sicilia è l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, fondatore e leader del Movimento per le autonomie

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.