Condividi

Calcio: il Palermo attende la Cittanovese, l’intervista al mister Ivan Franceschini

mercoledì 2 Ottobre 2019
Cittanovese calcio

Il Palermo calcio si appresta ad affrontare la sua terza partita casalinga del campionato, la sesta del calendario della Serie D – Girone I. Questa volta la formazione rosanero si troverà di fronte la Cittanovese, formazione calabrese che occupa al momento la decima posizione in classifica. La compagine aspromontana si trova a sette punti in classifica e viene da due vittorie consecutive, una delle quali contro un avversario prestigioso come il Savoia.

La formazione giallorossa è allenata da mister Ivan Franceschini, classe ’76, tecnico fra i più apprezzati all’interno del panorama del calcio dilettantistico calabrese. Nato a Fornovo, in provincia di Parma, alle sue spalle ha un passato da giocatore con diverse maglie, fra le quali quelle dell’Olympique Marsiglia, del Torino, del Genoa e soprattutto della Reggina.

Nel 2013 ha deciso di ritirarsi dal calcio e si è poi dedicato alla carriera di allenatore. Lo scorso anno ha seduto sulla panchina della Palmese, altra realtà calabrese del Girone I di quest’anno, conducendo la squadra neroverde ad un tranquilla salvezza, nonostante le problematiche societarie dello scorso anno.

Mister, grazie del suo tempo. Qual’è il bilancio del momento della Cittanovese? Come sta andando la vostra stagione?

Siamo una squadra rivoluzionata rispetto allo scorso anno, sia nello steffa che nei giocatori. Noi abbiamo l’entusiasmo del primo giorno di scuola anche se dobbiamo oliare qualche meccanismo. Le prime giornate non ci avevano premiato in termini di risultati, poi abbiamo fatto due vittorie fondamentali con due squadre importanti come Corigliano e Savoia, quest’ultima un’antagonista del Palermo in campionato.

Come lo vede questo campionato di Serie D? Quali sono i vostri obiettivi?

Bisognerebbe incontrare tutte le squadre del girone per dirlo con certezza. Lo scorso vi erano squadre importanti come il Bari, la Turris e il Marsala, ma devo dire che il livello quest’anno si è notevolmente alzato. Palermo e Savoia a parte, l’Acireale ha investito tanto e le due Messinesi (FC ed ACR, n.d.r.) si sono rinforzate molto durante lo scorso mercato. Il nostro obiettivo è quello di fare bene, di mettere in cascina più punti possibili e dare il massimo ad ogni partita. Il campionato è difficile, bisogna starci dentro.

Come affronterete la prossima sfida contro il Palermo?

Inutile dire che per noi, la società e la città di Cittanova questa è una partita importante. Il Palermo ha costruito una squadra importante per vincere il campionato. Noi verremo lì a fare la nostra partita, cercando di sbagliare il meno possibile e sfruttando anche il buon momento della nostra classifica. Faremo il possibile per cogliere un risultato positivo, poi parlerà il campo. Spero che i ragazzi non soffrano il pubblico ma anzi lo utilizzino come stimolo per fare una buona partita.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.