Condividi

Calcio: Palermo-Catania si giocherà, rosanero con gli uomini contati causa Covid

lunedì 9 Novembre 2020
Palermo-Catania

Palermo-Catania si giocherà.

Secondo quanto previsto dai protocolli della FIGC, i rosanero infatti hanno a disposizione i 13 giocatori minimi per scendere in campo. Ai 6 calciatori positivi nel giro di tamponi di ieri, se ne è aggiunto un altro, per un totale di sette. Questi, uniti alle assenze di Luperini, Somma, Lancini, Marong e Santana, comportano un totale di 12 elementi indisponibili causa coronavirus.

A disposizione di Boscaglia rimangono quindi undici titolari e le riserve di Pelagotti. Una situazione surreale, anche alla luce dei numerosi rinvii chiesti dal Palermo nelle ultime settimane. Intanto, il Catania è già arrivato in città.

IN MATTINATA SCATTA L’ALLARME

In mattinata, il club rosanero aveva reso noto che “dal ciclo di tamponi effettuati nella giornata di domenica 8 novembre, sono emersi, tra i 18 calciatori convocati, 6 giocatori nuovamente positivi al Coronavirus, seppur con blande tracce virali e totalmente asintomatici. La società rimane in attesa degli esiti dei tamponi “giorno gara” effettuati la mattina di oggi, 9 novembre, come da protocollo federale“.

Salvo imprevisti dell’ultimo minuto, le due formazioni dovrebbe scendere in campo alle 20:45. Ma se Palermo-Turris ha insegnato qualcosa, è che i colpi di scena causati dal coronavirus non finiscono mai.

LA CARICA DI ANDREA ACCARDI

In un post pubblicato sul suo profilo Instagram, il difensore Andrea Accardi prova a dare una spinta ai suoi compagni di squadra in uno dei momenti più difficili della stagione.

“L’ho sognata tutte le notti, ho fatto il conto alla rovescia ogni maledetto giorno – scrive Accardi -. Ho esultato, pianto, ti ho vissuto sugli spalti, ti ho vissuto da bambino nato e cresciuto per strada che sognava prima o poi di poterla giocare ed avrei dato qualsiasi cosa anche per un solo secondo di una partita così speciale che aspettavo da 25 anni come calciatore e da 7 anni come tifoso“.

Purtroppo questo maledetto virus continua a metterci il bastone tra le ruote – commenta il difensore rosanero – ma sono sicuro che chi scenderà in campo onorerà chi oggi non è disponibile per essere in quel rettangolo verde“.

“Comunque vada sono sicuro che usciremo a testa alta perché questo gruppo, questa famiglia lotta e combatte contro tutto e tutti. Forza ragazzi“.

IL COMMENTO DEL PRESIDENTE GHIRELLI

Il momento è difficile ed ogni giorno lo è ancora di più. Crescono le incertezze. La certezza, quella che serve per ripartire ogni giorno, è la passione per la propria squadra del cuore. Il Derby di Sicilia tra Palermo e Catania è una partita che oltrepassa il tempo. Torna, a distanza di 7 anni, ed è una gara che fa riaffiorare i ricordi, si lega alla storia di due club blasonati e si inserisce nel presente con il contesto complesso in cui viviamo“.

Lo dichiara il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, a poche ore dal calcio d’inizio di Palermo-Catania.

Mancano i tifosi, mancano i colori e le emozioni che un derby sa accendere. Mancano gli stadi pieni di striscioni per la propria squadra e le bandiere al vento. Il calcio vive. Continua a farlo nel cuore delle generazioni e in campo. Stasera, idealmente, due città appassionate scendono in campo insieme al cuore dei proprio tifosi”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.