Condividi
L'indagine

Catania, abbandonano rifiuti e li bruciano: due giovani scoperti e denunciati CLICCA PER IL VIDEO

giovedì 11 Aprile 2024

Nell’ambito della mirata campagna di prevenzione e contrasto ai reati ambientali e in particolare nella lotta ai fenomeni di smaltimento illecito o irregolare di sostanze inquinanti, il Comando Carabinieri del Nipaaf di Catania hanno effettuato una mirata attività d’indagine finalizzata a reprimere il fenomeno dell’accumulo di discariche abusive e dei roghi derivanti dagli incendi dolosi appiccati ai materiali di risulta scaricati nella zona industriale di Catania.

 

 

I Carabinieri forestali hanno denunciato due giovani catanesi di 21 e 23 anni, responsabili di aver accumulato materiale di risulta e di avergli appiccato fuoco, causando un vasto incendio. I militari hanno installato alcune foto trappole nell’area interessata dagli incendi, in particolare lungo lo Stradale Primosole, durante la visualizzazione delle quali hanno notato la presenza dei due giovani, giunti a bordo di un Fiat Doblò di colore bianco nell’arco pomeridiano dello scorso fine settimana, in un orario in cui la zona era quasi completamente deserta a causa della chiusura degli stabilimenti, e dopo aver scaricato in gran fretta cospicue quantità di rifiuti da imballaggi, quali plastiche, cartoni e polistirolo, hanno appiccato il fuoco causando un rogo, che a causa del vento ha assunto dimensioni sempre più imponenti.

I Carabinieri si sono attivati subito per ripristinare la sicurezza dell’area interessata, ed hanno dunque richiesto l’intervento di una squadra del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, che giunti sul posto hanno domato le fiamme fino ad estinguere l’incendio.

 

 

Successivamente alla messa in sicurezza dei luoghi, i militari hanno approfondito le indagini finalizzate a risalire all’identità dei due malviventi e tramite la targa del furgone utilizzato e della tuta da lavoro indossata, sono risaliti al fatto che i due fossero operai di una ditta specializzata nella vendita di macchinari di termoidraulica di Misterbianco, e che il materiale da loro abbandonato provenisse proprio dall’azienda per la quale lavoravano.

Quindi i due giovani avevano creato un cumulo di rifiuti, che avevano poi provveduto a smaltire in maniera illecita, trasgredendo alla normativa sullo smaltimento lecito dei rifiuti, oltre a causare potenziali pericoli per l’area interessata e pertanto i due sono stati denunciati, unitamente al titolare della ditta per abbandono, gestione illecita e combustione illecita di rifiuti.

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.