Condividi
La sentenza

Cerda (PA), omicidio La Duca: ergastolo alla coppia di amanti

venerdì 19 Aprile 2024
trbunale palermo
Tribunale Palermo

La Corte d’assise di Palermo, presieduta da Sergio Gulotta, ha condannato all’ergastolo Luana Cammalleri e Pietro Ferrara, i due amanti di Cerda (PA), accusati di aver ucciso il marito della donna, Carlo La Duca, e di averne poi fatto sparire il cadavere che non è mai stato trovato.

Carlo La Duca è sparito nel nulla il 19 gennaio del 2019. E’ uscito da casa alle 8.07 per recarsi a Cinisi dove ad attenderlo c’era la nuova compagna. Dovevano trascorrere il fine settimana insieme. Prima di arrivare si è fermato nel terreno di Ferrara a Ciaculli.

È qui, secondo la ricostruzione dei pm, che La Duca ha trovato la morte. In che modo i due imputati si sarebbero disfatti del corpo resta uno dei misteri del processo. Il tragitto della Volkswagen di La Duca fu seguito grazie al gps. La vettura fu trovata in via Salvatore Minutilla a Cardillo. L’ultima persona che ha visto la vittima sarebbe Ferrara. Alle 10.48 l’auto dell’imprenditore ripartì. Secondo i pm l’uomo era già morto e a guidare era Ferrara. Dietro, in una Fiat Punto bianca, ci sarebbe stata Luana Cammalleri, l’ex moglie che avrebbe partecipato al delitto.

I parenti della vittima e la nuova compagna si erano costituiti parte civile con l’assistenza degli avvocati Chiara Arpaia, Fabio Trombetta, Giovanni Allegra e Salvatore Pirrone.

Non è chiaro il movente del delitto. I due imputati erano presenti alla lettura del verdetto.

 

La dichiarazione della mamma di Carlo La Duca

“Ci sono bambini senza un padre. Assassini, l’hanno studiato, adesso devono soffrire in carcere”. Lo dice Concetta Grispino, la mamma di Carlo La Duca che secondo la sentenza di oggi della corte d’assise di Palermo è stato ucciso da Pietro Ferrata e dalla ex moglie Luana Cammalleri. L’imputata dopo il verdetto ha iniziato a piangere. “L’ho detto fin dal primo momento che erano stati loro – ha aggiunto la donna -, si fingevano amici. Mio figlio non me lo restituirà più nessuno, ci sono due figli senza un padre. Perché, perché? Mio figlio non aveva nemici, lo stimavano tutti, tutti. Sono cinque anni che non lo vedo e non lo vedrò più”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.