Condividi
Il caso

Chico Forti e quella foto icona scattata a Mondello

martedì 28 Maggio 2024

Enrico “Chico” Forti è rientrato in Italia dove terminerà di scontare la pena inflitta negli Usa per l’omicidio di Dale Pike avvenuto nel 1998 e per il quale si è sempre professato innocente.

Da quando è “esplosa” la sua storia, sui media le notizie che lo hanno riguardato sono state sempre accompagnate da una foto ormai divenuta iconica: Chico su una tavola da surf.

Fu scattata nel mare di Mondello da un giornalista e surfista di origini napoletane, ma palermitano d’adozione fin dagli anni ’80. Si chiama Osvaldo Esposito, oggi responsabile della formazione dell’Ordine dei giornalisti della Sicilia e già addetto stampa e tra i principali animatori del famoso Club Albaria di Mondello, per i cui colori gareggiarono anche il nove volte campione del mondo di windsurf Riccardo Giordano e la medaglia di bronzo ad Atlanta Alessandra Sensini.

La foto ormai nota a tutti, la scattai nel 1992 – precisa Esposito – durante una competizione internazionale di windsurf. Ero a pelo d’acqua, vicino la boa, con una macchina fotografica scafandrata; Chico si avvicinò e gli dissi di salutarmi alla maniera hawaiana. Accanto a lui il pluricampione mondiale delle Fiji, Tony Philp”.

E aggiunge: “Il saluto hawaiano e il sorriso del personaggio, in acqua, sulla tavola da surf, sullo sfondo il golfo di Mondello, la particolare luce: tutto ha contribuito a rendere l’immagine di Chico solare e quella foto lo rispecchia totalmente. Una persona che ama stare in compagnia – continua Esposito – un amante della vita, un inguaribile ottimista che vede il bicchiere sempre mezzo pieno”.

Quando Vincenzo Baglione, cofondatore e storico direttore dell’Albaria e intimo amico di Chico, decise di volere accendere i riflettori sulla vicenda di Forti, facendone un caso mediatico, “gli consegnai la foto originale perché la pubblicasse. Fu inserita su Wikipedia nel 2015 – ricorda Esposito – libera dai diritti. Ma di quella foto oggi se ne vuole fare commercio. E quello che mi ha dato più fastidio – continua Esposito – è che il sito Alamy ha preso la foto di Chico da me scattata e l’ha inserita sulla sua piattaforma per usi e scopi commerciali, quando il reale intento era solamente quello di farla circolare perché se ne fruisse liberamente e di manifestare i sentimenti di amicizia attraverso il calore, il colore, la luce che fuoriesce dallo scatto e che abbiamo condiviso con Chico. L’originale, infatti, non è in rete e non può esserlo, a dimostrazione dell’abuso commesso da Alamy. Con Baglione presenteremo un atto di intimazione”.

Per Esposito e gli amici di sempre Forti è innocente, forse vittima di un complotto “perché non lo abbiamo mai ritenuto capace di un delitto; è un abile imprenditore, una mente brillante – chiosa Esposito – e proprio per questo non avrebbe mai commesso errori così banali. Lo scatto, negli ultimi 24 anni, ha contribuito a mantenere vivo il ricordo di un campione sportivo che nel frattempo ha perso 24 anni di vita”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.