Condividi

Confcooperative Sicilia: servono aiuti e Dpi alle strutture socio assistenziali

giovedì 9 Aprile 2020
Mascherine, guanti, dpi

Troppe incertezze nell’applicazione del Piano di prevenzione e controllo nelle strutture socio assistenziali alle prese con l’epidemia di Covid-19. È quanto denuncia Confcooperative Sicilia in una nota inviata all’Assessorato alla Famiglia e alle politiche sociali della Regione Siciliana, per venire incontro alle richieste di molte cooperative impegnate sul fronte delicato dell’assistenza, nelle ore difficili dell’emergenza sanitaria.

Nello specifico, malgrado il Piano di prevenzione preveda che le strutture si rivolgano alla Protezione Civile Regionale per la dotazione dei Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), la stessa protezione civile avrebbe comunicato alle cooperative richiedenti che i dispositivi disponibili vengono consegnati solo alle strutture sanitarie, pubbliche e private dietro autorizzazione dell’Assessorato Regionale alla Salute, e che allo stato attuale non è prevista la consegna di DPI ad altre strutture socio-assistenziali, quali ad esempio case di riposo, comunità alloggio per anziani o per disabili psichici. A questi ultimi, infatti, i dispositivi potrebbero essere consegnati solo previa autorizzazione dell’Assessorato Regionale alla Salute.

E ancora, si riscontrerebbero difficoltà sul piano logistico, essendo gli enti destinatari della nota, realtà che sono obbligate all’applicazione degli standard organizzativi e strutturali (dettati dalla L.R. 22/86) tali da rendere nella maggior parte dei casi inattuabile la suddivisione in reparti dei locali esistenti, o altri interventi di isolamento di soggetti potenzialmente positivi al Covid-19. Da ultimo Confcooperative Sicilia evidenzia la situazione di ritardo cronico nei pagamenti da parte degli enti locali per servizi già erogati dalle strutture socio assistenziali, oggi reso ancora più insopportabile dall’emergenza sanitaria in corso.

Per questo l’associazione datoriale chiede all’Assessorato di attuare alcune misure:

  • consegnare anche alle strutture del privato sociale i DPI (dispositivi di protezione individuale);
  • Concordare con l’Assessorato Regionale alla Salute le modalità più adatte a verificare la positività di ospiti delle strutture socio assistenziali, e conseguentemente di individuare strutture più idonee ad ospitarli (Covid Hotel o quant’altro) per il periodo della quarantena, stante la sostanziale impossibilità di compartimentare strutture vincolate da precisi standards imposti dalla normativa vigente;
  • disporre agli enti locali di erogare in via prioritaria i pagamenti, dovuti per servizi già resi, alle strutture socio assistenziali che operano in nome e per conto della pubblica amministrazione.

Misure che rappresenterebbero risposte concrete alle cooperative sociali e ai loro lavoratori, in coerenza agli obiettivi che il Governo ha dichiarato di volere raggiungere con i recenti provvedimenti nell’ambito dell’emergenza Covid-19.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.