Condividi

“Coppe di stelle nel cerchio del sole”: a Palazzo Abatellis una mostra per riscoprire la Sicilia CLICCA PER LE FOTO

venerdì 20 Maggio 2022

GUARDA LE FOTO IN ALTO

Un viaggio tra passato e presente, fra memorie del territorio e arte contemporanea.

Si inaugura domenica 22 maggio 2022 alle ore 12.00, nella Galleria Regionale della SiciliaPalazzo Abatellis di Palermo, la mostra “Coppe di stelle nel cerchio del sole”.

Il progetto è ideato e prodotto da Planeta Viaggio in Sicilia e realizzato in collaborazione con il Dipartimento dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana della Regione Sicilia.

L’esposizione

In mostra 10 opere di quattro artisti contemporanei: Bea Bonafini, Gili Lavy, Emiliano Maggi e Diego Miguel Mirabella, e non solo.

In un allestimento che trae spunto dalle immagini d’archivio dei primi del Novecento della Sala araba“, tra sculture in ceramica e bronzo, stoffe pregiate che simulano la danza mistica dei sufi, un arazzo, pittura e mosaicoa conquistare ed emozionare è una parte del grande tesoro della Regione.

Risorgono, infatti, dai depositi di Palazzo Abatellis, 10 oggetti inediti, alcuni dei quali restaurati grazie al sostegno di Planeta.

A rendere tutto suggestivo, non solo una finestra sul “Trionfo della morte“, ma anche un’opera sonora in cui vengono evocate parole della lingua franca mediterranea, detta sabir.

De Castro, Samonà, Planeta

“Il titolo della mostra deriva dai versi del filologo e poeta arabo-siculo Ibn al-Qattâi il quale ci ricorda che c’è una Sicilia antica e profonda che ha bisogno e che merita di essere scoperta“, evidenzia l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Alberto Samonà.

Una “dialettica fra sopravvivenze ed eredità, fra studi, ricerche filologiche e documentali, suggestioni e revivals ricorrenti nel tempo, attraverso cui si snoda il percorso della cultura islamica in Sicilia”. Così spiega la mostra Evelina De Castro, responsabile della Galleria.

Curatrice della sezione storica, De Castro aggiunge che: “L’elemento che collega il passato al contemporaneo è la scrittura. Non un motivo decorativo ma esso stesso repertorio artistico per l’arte islamica“.

Il progetto

Valentina Bruschi

Valentina Bruschi, curatrice del progetto, ha sottolineato che: “Le opere realizzate dagli artisti sono, quasi tutte, frutto di una residenza attraverso alcuni siti della Sicilia e i territori di Planeta”.

Esposte, inoltre, alcune fotografie di Matteo Buonomo e parte di un testo di Chiara Barzini che anticipano un catalogo realizzato per l’occasione”, aggiunge.

Questo progetto, basato sulla nostra storica residenza nomade e sullo studio delle opere del deposito di Palazzo Abatellis – spiega Vito Planeta -, vuole essere il volano di un circolo virtuoso che va dal restauro delle opere d’arte meno conosciute della sterminata collezione del Museo, alla loro valorizzazione, al sostegno degli artisti coinvolti, all’arricchimento della programmazione del Museo“.

Una collaborazione tra pubblico e privato nell’interesse della valorizzazione dell’arte. Un gesto di grande sensibilità – aggiunge Samonàche auspico possa servire di ispirazione a quanti vogliono contribuire a valorizzare il cospicuo patrimonio regionale siciliano, utilizzando strumenti importanti quali le sponsorizzazioni tecniche e l’art bonus”. 

La mostra sarà visitabile sino al 10 luglio 2022.

Il giorno dell’inaugurazione, Emiliano Maggi realizzerà una performance multidisciplinare in costume, con strumenti costruiti per l’occasione.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia: “C’era una volta la Dc”, Calogero Mannino ed Elio Sanfilippo riavvolgono il nastro della storia CLICCA PER IL VIDEO

Un’Italia malconcia e acciaccata venne rimessa in piedi a forza di acqua santiere e ricostituenti specifici, mentre pattinando sui dubbi degli italiani la Democrazia cristiana fu capace di dispensare certezze quotidiane, a volte di breve respiro, ma di grande efficacia e di sicuro impatto divulgativo

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.