Condividi

Coronavirus, duemila operatori sanitari contagiati: “Mancano dpi e mascherine”

lunedì 16 Marzo 2020

Superata quota duemila: tanti sono ad oggi, i medici, gli infermieri e gli operatori sanitari contagiati dal coronavirus in Italia.

Un numero in costante crescita, afferma il sindacato dei medici ospedalieri Anaao-Assomed, mentre tutto il mondo della sanità denuncia la persistente insufficienza” dei dispositivi di protezione individuale (dpi), a partire dalle mascherine.

I medici, affermano sindacati ed associazioni, sono “nudi contro il virus” ma rimangono in prima linea con i pazienti. Nonostante le rassicurazioni, i dpi restano insufficienti e crescono i timori per la sicurezza del personale sanitario.

Iniziano a “scarseggiare le scorte di mascherine a più alta protezione, le Ffp2 e Ffp3, utilizzate in particolar modo nelle Terapie intensive, ed in Lombardia le scorte basteranno ancora solo per un paio di giorni“, afferma all’Ansa il presidente dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri (Aaroi-Emac) Alessandro Vergallo, che ha scritto una lettera al presidente della Repubblica Sergio Mattarella, chiedendo il suo intervento.

Si rischia – scrive Vergallo – di paralizzare o rallentare l’efficacia del nostro impegno nel tentativo di salvare il maggior numero di vite umane“. Una situazione insostenibile, aggiunge, poiché le manovre cliniche effettuate sui pazienti delle Terapie intensive sono proprio le “più suscettibili di contatto diretto con il virus“. Da qui qui un “accorato appello” a Mattarella, “affinché si trovi la soluzione per rendere disponibili” i dpi.

La mancanza di protezioni adeguate è “intollerabile” anche per il segretario dell’Anaao Carlo Palermo che, rendendo note le cifre del contagio, parla di un numero “spaventoso” e di una situazione che “mette purtroppo in ulteriore difficoltà gli ospedali“.

Per questo, annuncia, l’Anaao ha presentato in Piemonte un esposto alla magistratura proprio in merito alla “perdurante mancanza di dpi“. E’ una “questione di rilievo penale e stiamo valutando se presentare esposti pure in altre Regioni, perché i dpi sul territorio non sono adeguati a far fonte all’epidemia“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.