Condividi

Crisi dei call center, Papatheu: “Il governo M5S-Pd investe nella disoccupazione”

mercoledì 29 Gennaio 2020

“Il governo delle tasse e dell’assistenzialismo continua ad investire nell’incremento del precariato e della disoccupazione. Lo sciopero dei call center è il grido di dolore dei lavoratori delle aziende di outsourcing, è l’ennesima conferma del fallimento delle politiche sociali del M5S, con il Decreto Dignità che si prefiggeva di migliorare la condizione dei precari e invece sta condannando migliaia di giovani a diventare altri percettori del RdC”. Lo afferma in una nota la senatrice di Forza Italia, Urania Papatheu sulla protesta dei lavoratori dei call center. La parlamentare siciliana attacca il governo giallorosso e chiede “l’immediata apertura di un tavolo di crisi per tutelare i lavoratori a rischio licenziamento”. 

“I 5 Stelle hanno spacciato per cambiamento ciò che si è rivelato una replica fallimentare del Jobs Act varato nel 2015 dal Pd – dichiara Papatheu -. Il boom dei licenziamenti e il costante incremento dei tavoli di crisi aziendali sono la pietra tombale sull’inefficacia di un decreto che doveva contenere incentivi per trasformare i contratti a tempo determinato in indeterminato e invece ha inflitto un colpo mortale agli operatori dei call center, negando loro il diritto alla dignità e alla qualificazione economica e sociale delle professionalità. Soprattutto al Sud e in Sicilia, dove in tanti casi non ci sono opportunità di lavoro, il M5S ha negato alle aziende il necessario abbattimento dei costi mettendole nelle condizioni di non poter rinnovare i contratti a termine o peggio ancora chiudere e trasferirsi all’estero”.

“Per questo serve un cambio di rotta  – conclude Papatheu – e Forza Italia non consentirà che il dilettantismo di un governo che naviga a vista faccia altri disastri. Serve l’immediato istituzione di un tavolo di crisi a livello nazionale ma soprattutto M55 e PD devono prendere atto dei propri fallimenti. Ora bisogna “salvare il salvabile”, riconoscendo le condizioni richieste dagli addetti ai lavori, dalla defiscalizzazione sui processi di reshoring ai piani di sviluppo della filiera, alla lotta alle delocalizzazioni con la costituzione di un fondo di settore, tariffe minime orarie e ammortizzatori sociali.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.