Condividi

Crisi e pandemia, l’appello di associazioni e sindacati alla Regione: “Politica trovi misure urgenti”

mercoledì 17 Marzo 2021
Crisi economia coronavirus

Coordinamento permanente delle associazioni datoriali e delle organizzazioni sindacali della Regione Sicilia: Confindustria Sicilia, Confcooperative, Legacoop, Confartigianato, Cna, Confcommercio, Confesercenti, Casartigiani, Cgil e Uil Sicilia scrivono un appello per sensibilizzare la politica regionale a prendere opportuni provvedimenti per risollevare l’Isola dalla crisi economica accentuata dalla pandemia.

«Le sottoscritte organizzazioni datoriali e sindacali della Regione Sicilia, visto il perdurare della crisi economica e sociale, intensificatasi con l’emergenza della pandemia da Covid-19, preso atto che né il governo nazionale né tantomeno il governo regionale stanno ponendo in atto, ad oggi, misure adeguate sia per contrastare gli effetti negativi sulle imprese, sulle famiglie e sui lavoratori, sia per rilanciare adeguati programmi di sviluppo economico, finanziario e sociale, hanno deciso di dar vita ad un Coordinamento permanente tra le rispettive Associazioni al fine di costruire proposte comuni da sottoporre sia al governo regionale che alle proprie organizzazioni nazionali. I rappresentanti del Coordinamento regionale nel ritenere che lo sviluppo del sistema Paese Italia non può prescindere dallo sviluppo del suo Mezzogiorno e della Sicilia sottolineano come sia necessario un cambio di passo importante nell’elaborazione delle strategie politiche ed economiche volte sia a valorizzare le risorse presenti nella Regione Sicilia, facendone un volano di sviluppo, sia ad eliminare i tanti gap infrastrutturali esistente con il resto di Italia.

associazioni di categoria e sindacatiEnergia, turismo, cultura, risorse umane, politiche sociali, lavoro – sottolineano  sono temi che necessitano di un atto serio di responsabilità da parte di tutti e le sottoscritte organizzazioni intendono essere parte attiva nel ridisegnare il futuro economico e sociale della Sicilia volendo essere interlocutori privilegiati delle Istituzioni alle quali chiedono in prima battuta di porre la dovuta attenzione al ruolo dei corpi intermedi. 

Non è assolutamente accettabile che il futuro dei siciliani, a partire dalla declinazione delle risorse del Recovery plan, al piano vaccinale, al Next Generation Eu, venga nei fatti deciso senza il giusto coinvolgimento delle Parti sociali, sindacali e datoriali. Il Coordinamento neocostituito ha l’obiettivo di fare massa critica e far sentire unitariamente e con maggiore enfasi la propria voce. Il Coordinamento che oggi vede la partecipazione delle sottoscritte Associazioni è comunque aperto a quanti delle organizzazioni regionali intendessero essere costruttori di un nuovo ruolo e partecipazione alla vita economica e sociale della Sicilia».

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.