Condividi

Daspo Willy, a Caltanissetta emessi tre provvedimenti di divieto ai locali della movida

mercoledì 28 Luglio 2021
foto d'archivio

Sono tre i provvedimenti di divieto di accesso agli esercizi pubblici e ai locali di pubblico trattenimento emessi dal questore della provincia di Caltanissetta in virtù del Daspo Willy, in memoria della vittima del pestaggio avvenuto nella provincia di Roma.

La nuova normativa, entrata in vigore lo scorso ottobre, prevede la facoltà per il questore di disporre, per ragioni di sicurezza, tale divieto nei confronti delle persone ritenute socialmente pericolose in quanto resesi responsabili di gravi disordini avvenuti in pubblici esercizi o in locali di pubblico trattenimento ovvero nelle immediate vicinanze degli stessi.

La notte dello scorso 26 giugno, a Caltanissetta, nella zona del mercato storico denominata “Strata ‘a Foglia” interessata dalla movida nissena, sono state segnalate risse in diversi punti. In particolare, personale delle forze dell’ordine impegnato nello specifico servizio di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, hanno rintracciato un giovane che recava segni evidenti di aggressione. Questi ha riferito di essere stato aggredito da tre uomini per futili motivi con calci e pugni e addirittura scaraventato contro una vetrata di un locale che è andata in frantumi, contestualmente veniva segnalata altra rissa in piazza Marconi e avvistamenti degli aggressori in via Berengario Gaetani.

Le forze dell’ordine si sono messe alla ricerca dei tre che sono stati, infine, rintracciati presso il locale Chupito. Dalle indagini espletate nell’immediatezza, è emerso che i tre, già noti alle forze dell’ordine, nel corso della serata, con chiaro intento provocatorio avevano innescato più risse lungo il percorso della movida del centro storico, con pregiudizio della vivibilità del centro storico.

A seguito di tali fatti, il questore ha emesso nei confronti dei giovani responsabili dei disordini il provvedimento di divieto di accesso, per la durata di due anni, nella zona del mercato storico denominato “Strata a’ Foglia” nonché di piazza Mercato e piazza Marconi, oltre che lo stazionamento nelle immediate vicinanze dei menzionati esercizi, nelle aree antistanti agli stessi e in quelle destinate al parcheggio, nonché a tutte quelle abitualmente deputate a luogo di incontro tra giovani specificamente indicate.

Scopo di tali provvedimenti, notificati nella mattinata odierna, è quello di frenare il reiterarsi dei fenomeni di intemperanza dei giovani e consentire alle famiglie di poter fruire serenamente del centro storico.

Applichiamo uno strumento che oltre a essere afflittivo verso chi ha dato prova di pericolosità nel contesto della vita civile ha una funzione soprattutto preventiva – ha dichiarato, in proposito, il questore -. Si tende infatti a ‘sospendere’ la possibilità di innescare turbative per il normale andamento delle serate e delle giornate dei cittadini, questo a tutto vantaggio di una fruizione serena degli spazi cittadini”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.