Condividi

De Luca si dimette dall’Ars, anzi no: “Se c’è default a Messina resto deputato”

venerdì 19 Ottobre 2018
Cateno De Luca

Altra presa di posizione clamorosa del sindaco di Messina, Cateno De Luca, su quello che sta diventando ormai un vero e proprio tormentone: resterà alla guida della Città dello Stretto (e della Città Metropolitana) o preferirà optare per la permanenza tra i banchi dell’Ars?

“Dimissioni o non dimissioni”, il dilemma shakespeariano rivisitato in chiave moderna e politica da De Luca sta riservando continui ribaltamenti di fronte, e a 24 ore di distanza dall’annuncio delle dimissioni “posticipate” a novembre in favore del primo dei non eletti (il fedelissimo Danilo Lo Giudice), ora arriva una nuova frenata da parte del primo inquilino di Palazzo Zanca.

De Luca lega le sue dimissioni da deputato regionale alla situazione finanziaria del Comune di Messina. Lo dice a chiare lettere e sceglie anche stavolta i social network per comunicare di non aver sciolto la riserva: “Io non passerò alla storia per essere stato il sindaco che ha dichiarato il dissesto finanziario di Messina. La prossima settimana avremo un importante incontro a Roma per capire come affrontare la situazione debitoria che si è determinata dal 2014 in poi e non inserita nell’attuale piano di riequilibrio finanziario. In base a queste risultanze prenderò le mie irrevocabili decisioni. Tanto dovevo soprattutto a beneficio degli appassionati del nuovo mantra a quando le dimissioni dal parlamento siciliano di Cateno De Luca?.

Come si direbbe in gergo calcistico, insomma, De Luca continua a fare “pretattica”, anche se tutto fa pensare che alla fine a Messina il dissesto finanziario verrà scongiurato e il sindaco rimarrà al timone di Palazzo Zanca, dando le dimissioni dall’Assemblea Regionale. Ma De Luca vuole ancora tenere tutti sulla corda, a Messina come a Palermo: nello Stretto si sta giocando la partita cruciale per il destino politico della città e di riflesso anche per il percorso politico del sindaco stesso, e a Palermo anche un solo voto può risultare determinante per gli equilibri di Palazzo d’Orleans. Si sa che per chiunque l’attuale sindaco di Messina, eletto nella lista Udc-Sicilia Vera, è una presenza vulcanica e certamente non addomesticabile.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.