Condividi

Depistaggio Borsellino: ecco le telefonate shock di Scarantino ai pm

giovedì 5 Dicembre 2019
RT2000 bobine, Borsellino e Scarantino

Sono state depositate a Caltanissetta le intercettazioni che secondo l’accusa dimostrerebbero la costruzione a tavolino del falso pentito Vincenzo Scarantino, e quindi il depistaggio sulle indagini relative alla strage di via D’Amelio.

Nelle bobine, rimaste fino a oggi misteriose, le registrazioni inedite dei colloqui tra Scarantino e i pm dell’epoca, Carmelo Petralia e Anna Maria Palma, indagati a Messina con l’accusa di calunnia aggravata.

In una telefonata Petralia dice: “Scarantino, iniziamo un lavoro importantissimo che è quello della sua preparazione alla deposizione al dibattimento… mi sono spiegato, Vincenzo… si sente pronto lei?…”. E’ l’8 maggio del 1995 e il pm Carmelo Petralia, che all’epoca coordinava l’inchiesta sulla strage di via D’Amelio, parla al telefono con l’ex ‘picciotto’ della Guadagna.

Palma e Petralia
I pm Palma e Petralia (Frame TGR Sicilia)

Sono parole pesanti “Preparazione alla deposizione al dibattimento”. Cosa vogliono dire?

Le intercettazioni sono in 19 bobine ritrovate dopo 24 anni al palazzo di giustizia di Caltanissetta e riversate dal nastro magnetico a un supporto DVD digitale. Scarantino, ci dobbiamo tenere molto forti perché siamo alla vigilia della deposizione”, dice ancora Petralia.

Nella conversazione intercettata e trascritta dagli uomini del Ros di Messina, Petralia dice ancora a Scarantino: “Sicuramente ci sarà anche il dottor Tinebra – gli dice riferendosi all’allora procuratore di Caltanissetta – quindi tutto lo staff delle persone che lei conosce. E lei potrà parlare con Tinebra, con La Barbera di tutti i suoi problemi, così li affrontiamo in modo completo”, riporta l’agenzia Adnkronos.

Scarantino parlava anche con la pm Palma: “E’ importante che lei faccia questo interrogatorio…”, dice la PalmaAddirittura la pm fece una sorta di mini interrogatorio al telefono con Scarantino, anticipandogli una domanda che gli avrebbe poi fatto in via ufficiale.

Mario Bo
Mario Bo

Misteri ancora tutti da chiarire.

Intanto a Caltanissetta sono sotto processo tre poliziotti del “Gruppo Falcone Borsellino”: gli ex ispettori Fabrizio Mattei, Michele Ribaudo e il dirigente Mario Bò.

Chi c’è dietro la regia di quello che è stato definito dalle sentenze come “il più grave depistaggio della storia giudiziaria italiana”?

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Esclusiva ilSicilia.it, Fiammetta Borsellino: “Mio padre subì tradimenti a tutti i livelli” | Video intervista

I buchi neri della Strage di via D’Amelio: ecco i misteri irrisolti

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.