Condividi
L'inchiesta

Enna, frode fiscale e false fatture: arrestati cinque uomini

mercoledì 12 Giugno 2024

Cinque persone sono state arrestate da militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Enna nell’ambito di un’inchiesta su un presunto complesso sistema di frode fiscale realizzato tra Nicosia, Siracusa e Catania.

I reati ipotizzati, a vario titolo, nei confronti di nove indagati sono trasferimento fraudolento di valori, emissione di fatture per operazioni inesistenti, occultamento e distruzione di scritture contabili, riciclaggio, autoriciclaggio e violenza privata, oltre a reati societari e ambientali. In esecuzione di un provvedimento del gip di Enna, emesso su richiesta della Procura, le Fiamme gialle hanno arrestato e condotto in carcere due imprenditori e amministratori di una impresa operante nel settore della vendita e del montaggio di infissi e un commercialista, tutti di Nicosia. Posti agli arresti d domiciliari altri due indagati: un uomo e una donna, titolari di altre due aziende. Disposto anche il sequestro di beni per un milione di euro. Dalle indagini dei militari della Tenenza della Guardia di Finanza di Nicosia sarebbe emerso che uno dei due imprenditori, per oltre un ventennio, sarebbe stato socio occulto di un’azienda, del quale avrebbe ceduto fittiziamente il 51% delle quote societarie per eludere eventuali misure di aggressioni patrimoniali, avendo diversi precedenti penali. Inoltre, contesta la Procura di Enna, ci sarebbe stata una contabilità parallela, totalmente “in nero“, utilizzata anche per mascherare le operazioni riconducibili al socio occulto. Per la Procura di Enna, “il secondo imprenditore, amministratore formale dell’impresa, e gli altri indagati, con il supporto del commercialista, avrebbero agevolato il meccanismo fraudolento drenando ingenti proventi illeciti generati attraverso false fatturazioni e reiterate condotte di riciclaggio ed autoriciclaggio“. Uno stratagemma, sostiene l’accusa, che “oltre ad abbattere illecitamente le basi imponibili della società, avrebbe falsato l’effettiva redditività della stessa escludendo in tal modo altri soci di minoranza dalla legittima partecipazione agli utili“.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.