Condividi
Il raffronto

Europee, a vincere in Sicilia sarà ancora il partito dell’astensionismo?

giovedì 9 Maggio 2024
Elezioni Europee 2024

Mancano ormai poche settimane alle elezioni europee che si svolgeranno l’8 e il 9 giugno, un momento cruciale per la democrazia. Ma a preoccupare i vari partiti scesi in campo non dovrebbero essere tanto i rivali politici, quanto il partito che ha conquistato più voti alle scorse tornate elettorali, quello dell’astensionismo.

I dati delle urne in Sicilia

Riflettendo una tendenza nazionale di disaffezione verso la partecipazione politica, l’astensionismo continua a suscitare preoccupazione ed interesse. Partendo infatti dalle ultime elezioni europee, tenutesi nel maggio 2019, la Sicilia è risultata la seconda regione peggiore d’Italia dopo la Sardegna. Nell’isola votò soltanto il 37,5% degli aventi diritto, oltre il 5% in meno delle scorse europee. A Palermo si registrò l’affluenza più alta con il 39,48%, mentre la più bassa a Caltanissetta, con il 34,3%.

Anche nel caso delle Regionali del 2019 nell’Isola votò meno di 1 elettore su 2. Appena il 49%. Oltre 2 milioni di siciliani non si recarono alle urne. Situazione in leggero miglioramento invece per le lezioni amministrative del 2023. Oltre il 56,39 per cento dei cittadini decise di recarsi al seggio nei 128 Comuni siciliani interessati dalle elezioni amministrative del 28 e 29 maggio. Complessivamente votarono 756.144 cittadini su 1.340.983 aventi diritto. Nel dettaglio, il dato provinciale di affluenza nell’Agrigentino, dove si votava in 14 comuni, si è attestato al 48,21 per cento degli aventi diritto (58.066 votanti); nella provincia di Caltanissetta (5 comuni) ha votato il 40,63 per cento degli elettori (12.729); in provincia di Catania (19 comuni alle urne), il 57 per cento degli elettori (280.779); nell’Ennese (9 i comuni interessati) ha votato il 50,43 per cento degli elettori (45.066), nel Messinese, la provincia con più comuni al voto (32), l’affluenza si è attestata al 63,67 per cento (54.069); nella provincia di Palermo (con 25 comuni al voto), si è recato alle urne il 60,24 per cento degli aventi diritto (59.299); nel Ragusano (4 comuni), affluenza del 57,89 per cento (83.626) e nel Siracusano (8 comuni) del 57,35 percento (89.404); nella provincia di Trapani (12 comuni al voto) affluenza al 59,17 per cento (73.106).

Un problema solo italiano?

Dati quindi senz’altro preoccupanti e che dimostrano un segnale chiaro di qualcosa di profondamente sbagliato nel modo in cui la politica viene condotta e rappresentata. Questo fenomeno non dovrebbe essere ignorato o sottovalutato dai partiti politici, al contrario, dovrebbe essere affrontato con urgenza e determinazione. Il problema dell’astensionismo, a dirla tutta, non è affatto limitato all’Italia, ma è diffuso in molti paesi europei e oltre. Nonostante alcuni segnali di miglioramento, come l’aumento del 8,34% nella partecipazione alle elezioni europee del 2019 rispetto al 2014, che ha portato la media al 50,95%, il dato resta ben al di sotto di quanto auspicabile. Il fatto che solo la metà del corpo elettorale dell’Unione Europea si sia recato alle urne rappresenta una sfida significativa per la democrazia e la partecipazione civica.

Nella precedente tornata elettorale europea, pochi paesi hanno percepito l’importanza di una consultazione: il Belgio, ad esempio, ha registrato un’affluenza altissima dell‘89%, dimostrando un forte senso di partecipazione civica. Tuttavia, c’è una netta controtendenza rappresentata dalla Slovacchia, che ha segnato la percentuale più bassa di partecipazione con solo il 23%. In questa panoramica, l’Italia si colloca tra i primi dieci paesi per affluenza, posizionandosi al nono posto con il 56,10%. Sebbene questo sia un dato significativo, è importante notare che l’Italia ha registrato un calo di oltre due punti percentuali rispetto alla tornata elettorale precedente, quando l’affluenza era del 58,69%. Altri paesi europei hanno ottenuto risultati migliori, come la Grecia con il 58%, la Germania con il 62% e la Spagna con il 64%. Tuttavia, anche in paesi tradizionalmente considerati forti pilastri della democrazia europea, come la Francia, l’affluenza è stata deludente, attestandosi solo al 51%. Questo potrebbe riflettere una crescente confusione politica e un senso di disaffezione verso le istituzioni elettorali in molti contesti europei.

Usa il tuo voto. O altri decideranno per te

In occasione della Giornata dell’Europa che si celebra oggi 9 maggio, l’Arco di Trionfo di Parigi, il Colosseo di Roma e la Grand Place di Bruxelles sono tra i molti monumenti dell’Ue che si sono illuminati con un messaggio legato a doppio filo alle Europee del 6-9 giugno: lo slogan coniato per la campagna elettorale “Usa il tuo voto. O altri decideranno per te“. In alternativa sui monumenti è stata proiettata la bandiera blu-stellata nella notte tra l’8 e il 9 maggio.

Le elezioni europee sono un’opportunità per rinnovare il nostro impegno verso la democrazia e i valori europei. Ma questo sarà possibile solo se riusciremo a coinvolgere attivamente tutti i cittadini nel processo politico. È ora che i partiti politici smettano di guardare l’astensionismo come un semplice dato statistico e inizino a considerarlo per quello che è: una seria minaccia alla nostra democrazia e al nostro futuro.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

Bar Sicilia, Elena Pagana: “Parco dell’Etna e riserve, ecco cosa stiamo facendo per l’ambiente” CLICCA PER IL VIDEO

Dalle politiche per la fruizione dei parchi alle attività dell’Arpa fino alla pianificazione, ospite di Bar Sicilia è l’assessore regionale al Territorio e all’Ambiente Elena Pagana

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.