Condividi

Fiumi di droga nel Nisseno, arrestate undici persone

mercoledì 11 Settembre 2019
droga

Una vera e propria rete organizzata e specializzata nello spaccio di droga. Questo sarebbe lo scenario in cui si colloca la c.d. “operazione Lulù“, condotta nella notte dai militari della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta, unitamente al personale del Comando Provinciale di Caltanissetta, dalla Compagnia di Cantù, dalla Compagnia di Canicattì e un’unità antidroga del Nucleo Cinofili di Palermo.

Su disposizione dell’autorità giudiziaria nissena, i militari hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare, nonché misura degli arresti domiciliari e dell’obbligo di dimora presso il Comune di residenza, disposti nei confronti di 11 soggetti, ritenuti a vario titolo responsabili della commissione del delitto di associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e concorso in associazione a delinquere finalizzata allo spaccio.

L’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Caltanissetta, è stata emessa a seguito di articolata attività d’indagine partita nel 2016 e condotta dalla Sezione Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Caltanissetta, unitamente alla Tenenza Carabinieri di San Cataldo, coordinati dalla locale Procura, che ha consentito di disarticolare una consorteria criminale operante sul territorio di San Cataldo, dedicata allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Durante le attività d’indagine, servendosi di mirate attività d’intercettazione, oltre ad accertare il vincolo associativo tra i diversi componenti del sodalizio criminale, si appuravano le responsabilità di Michele Cordaro, riconosciuto come organizzatore e promotore dell’intera rete criminale. Il tutto è stato reso possibile dalla condizione del vincolo associativo di tipo mafioso nel quale Cordaro risulterebbe tutt’ora coinvolto.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.