Condividi

Furbetti del cartellino al Comune di Misilmeri: “Facevano la spesa nelle ore di lavoro”

lunedì 25 Giugno 2018
cartellino-28707-660x368

Dieci dipendenti del Comune di Misilmeri, in provincia di Palermo, sono stati coinvolti in un’inchiesta dei carabinieri sui “furbetti del cartellino“. A tre di loro dell’ufficio anagrafe è stato notificato il provvedimento cautelare di sospensione dall’esercizio per un anno. Agli altri sette dipendenti è stata inviata informazione di garanzia.

Sospesi dal lavoro sono quindi Filippa Di Pisa 63 anni, Rosalia Romano 55 anni e Enrico Venturini, 58 anni.  I tre sono indagati per assenteismo e truffa insieme ai dipendenti Maria Angela Affronti 64 anni, Salvatore Aiena, 62 anni, Giuseppe Benigno, 65 anni, Rosa Maria Bruno, 63 anni, Giovanna Calandrino, 64 anni, Filippo Schimmenti, 60 anni, Maria Carmela Trippodo, 40 anni.

Di Pisa e Romano, sono state più volte riprese a fare acquisti e la spesa in orari di servizio. Supermercati, cartolerie, negozi di fotografi e il mercatino erano le mete delle donne. Uscivano in auto e si recavano a fare compere. Anche Venturini è stato più volte ripreso mentre usciva o entrava in ufficio senza timbrare, la sua presenza è stata garantita dalla complicità degli altri impiegati.

I provvedimenti sono stati emessi dal gip Stefania Gallì del tribunale di Termini Imerese. I carabinieri hanno svolto le loro indagini con l’utilizzo di telecamere piazzate nella zona della timbratura dei badge. I dipendenti in questi anni si sono avvalsi di una rete di complicità dal momento che la registrazione dell’orario di servizio degli impiegati non presenti veniva spesso garantita da altri colleghi che timbravano per gli assenti.

Alla notizia degli avvisi di garanzia, esprime rammarico il sindaco Rosalia Stadarelli : “Riponiamo nella magistratura e nelle autorità militari la massima fiducia affinché si continui a fare luce sui fatti accertati ed oggetto dell’indagine. Il Comune di Misilmeri adotterà tutti i provvedimenti necessari per tutelare l’immagine dell’Amministrazione con tutte le azioni necessarie nelle sedi opportune”.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.