Condividi

Giusy Savarino: “Grave la chiusura del reparto di chirurgia a Canicatti”

giovedì 18 Gennaio 2018
giusi savarino

Dopo la chiusura del reparto di chirurgia dell’Ospedale di Canicattì  arriva la dichiarazione di Giusy Savarino, presidente della IV commissione all’Ars. “Con una nota pilatesca il direttore Silvio Lo Bosco ha di fatto chiuso il reparto di chirurgia a Canicatti per carenza di personale, carenza di personale conosciuta, che io stessa avevo attenzionato mesi fa: il presidio è rimasto pure senza direttore sanitario” – si legge nella nota della Savarino.

Il dirigente non può far finta di non conoscere problematiche già da più parti segnalate, e che dovevano essere risolte senza indugio e di certo senza aspettare le ferie dell’ultimo medico disponibile – aggiunge – Questa è chiara inefficienza della dirigenza sanitaria agrigentina. Se poi qualcuno pensa di continuare, come in passato, con la tacita volontà di disimpegnare il presidio ‘Barone Lombardo’ a favore del ‘San Giovanni di Dio’, sappia che il nuovo corso della politica attento ai bisogni del territorio non lo permetterà”.

Concorde anche l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza: Quanto accade a Canicattì supera il limite del buon senso e mi irrita ancor prima come cittadino che nella qualità di assessore alla Salute. L’Asp di Agrigento, a cui come è noto spettano i profili organizzativi,  provveda a sanare celermente questo gap di assistenza nei confronti della cittadinanza“.

Sulla chiusura del reparto di chirurgia dell’ospedale Barone Lombardo di Canicattì, insorge il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche: “Bisogna subito rimetterlo in funzione anche tramite l’utilizzo della mobilità d’urgenza o del comando”.

Il reparto sarà temporaneamente  sospeso per 10 giorni a causa dell’assenza di una figura apicale. In realtà, spiega il Nursind, “nel nosocomio il primario manca da agosto e adesso è andato in malattia un altro medico, l’unico che eseguiva interventi”. Dunque una situazione precaria che va risolta al più presto.

Salvatore Terrana, segretario territoriale, spiega che il sindacato è “seriamente preoccupato per la criticità venutasi a creare con la sospensione dei ricoveri e il blocco degli interventi di elezione. Tale chiusura – prosegue il Nursind di Agrigento – anche se temporanea nelle sue intenzioni, andrà a creare notevoli disagi alla popolazione che ha come punto di riferimento il presidio di Canicattì e anche il pronto soccorso sarà costretto a trasferire i pazienti verso altre strutture intasando il servizio di emergenza e urgenza con l’utilizzo delle autoambulanze e del personale per i trasferimenti”. Il Nursind chiede quindi di “superare l’emergenza attraverso qualsiasi altra strategia utile per garantire l’assistenza chirurgica a un bacino di utenza come quello di Canicatti”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.