Condividi
Il riconoscimento

Identità siciliana, istituito il “Premio Giuseppe Alessi”. Schifani: “Esempio di passione politica al servizio della comunità”

venerdì 29 Settembre 2023
Renato Schifani
Rendere omaggio alla figura e agli insegnamenti del primo presidente della Regione Siciliana. Con questo obiettivo il governo Schifani ha istituito il “Premio Giuseppe Alessi”, destinato a personalità dell’Isola che si sono particolarmente distinte per il loro impegno etico, sociale, culturale e artistico in favore della comunità.
Il riconoscimento, di prerogativa del presidente della Regione, verrà conferito annualmente nel corso di una cerimonia ufficiale. Tecnicamente si stratta di una “benemerenza eccezionale” che non ha valenza giuridica, ma un alto valore civico.
Giuseppe Alessi
“Ho voluto istituire questo premio  – dice il governatore Renato Schifani – per tenere viva la memoria del primo presidente della Regione, ma soprattutto, di un gigante della politica siciliana. L’avvocato Alessi, convinto assertore dell’Autonomia e tra i padri nobili  del nostro Statuto, è un esempio di passione politica e civile al servizio della Sicilia. Un vero e proprio statista che non ha esitato a fronteggiare anche lo Stato centrale e i partiti nazionali quando ha ritenuto lesi i diritti dei siciliani. Da fine giurista – aggiunge Schifani – conosceva perfettamente le nostre prerogative e, sempre nel rispetto delle istituzioni, non tollerava interferenze volte a sminuirle. La coerenza, l’amore per la Sicilia e la realizzazione del bene comune sono i tratti distintivi della sua azione politica e per questo incarna la Sicilia degli ideali più nobili. Con il premio a lui dedicato, oltre a rendergli omaggio, mi auguro di  contribuire a tenere vivi i suoi insegnamenti affinché possano essere presi ad esempio anche dalle generazioni future”.
Nato nel 1905 a San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, Alessi è stato eletto per la prima volta capo del governo regionale il 30 maggio del 1947, e poi ancora nel 1955. È considerato uno dei fondatori dell’Autonomia siciliana: determinante è stato, infatti, il suo contributo ai lavori della “Commissione preparatoria dello Statuto” che, dal 22 settembre al 7 dicembre 1945, in seno alla Consulta regionale, ha elaborato la carta autonomistica siciliana, in seguito inserita nella Costituzione italiana.
Fino alla sua scomparsa, nel 2009, è stato tra i più strenui difensori delle prerogative statutarie da lui considerate come la via per garantire lo sviluppo e il benessere del popolo siciliano. Nella sua lunga vita, è stato anche presidente dell’Ars, deputato e senatore.
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.