Condividi

Il mito e la voce delle sirene in una conversazione con Maria Grazia Insinga

mercoledì 1 Marzo 2017
Maria Grazia Insinga fotografata da Ariane Deschamps

“Parlava e così fui sommerso, dopo quello del sorriso e dell’odore, dal terzo, maggiore sortilegio, quello della voce”. Così scrisse Giuseppe Tomasi di Lampedusa e questo è uno degli spunti di “Sirene. L’Ondina siciliana e il sortilegio della voce” la conversazione con Maria Grazia Insinga in programma venerdì 3 marzo alle 18 a Villa Piccolo (Strada Statale 113, km. 109 Capo d’Orlando), introdotta dal giornalista e scrittore Alberto Samonà. Interviene l’avvocato Andrea Pruiti Ciarello.

Si tratta del secondo incontro del ciclo “Pomeriggi al Piccolo Caffè”, promosso dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, presieduta da Vanni Ronsivalle: conversazioni su temi che richiamano pagine uniche della grande Sicilia letteraria. Ingresso libero.

Maria Grazia Insinga fotografata da Ariane Deschamps
Maria Grazia Insinga fotografata       da Ariane Deschamps

“Attraverso il terzo sortilegio, quello della voce, si farà un viaggio poetico con le sirene. Si parte dal giardino di Villa Piccolo – sottolinea Maria Grazia Insinga – dove, tra le ninfee di Agata Giovanna, gli spiriti elementari di Casimiro e la voce di Lucio, rievocheremo l’incontro tra il professore La Ciura e Lighea. Giuseppe Tomasi di Lampedusa incide nel suo sogno guidato, i lineamenti, la forma di una voce inafferrabile: quella della sirena”.

Si lascerà di canto, in ordine sparso, l’Odissea e la femmina balba, l’ondina siciliana di Goffredo d’Auxerre e pure le «femminote ammaliatrici» di D’Arrigo; lasciamo di canto Eliot e il suo Prufrock e Kafka e Poe di Al Aaraaf e Yeats con la sua Torre; lasciamo Baudelaire e il suo Hymne e lasciamo Undine di Giraudoux e Bachmann e le Sirene sublimi di Basilio Reale; lasciamo infine, Saba, Montale, Gatto e Bellezza e Rosselli e Anaïse tutto. “Lasciamo tutto. E lasciamo anche Bosch e il giardino di delizie o la caduta di Sant’Antonio e poi Magritte con il suo sogno androgino e le sirene inverse o Delvaux col villaggio o la signora dall’acqua di Munch e Clarke con Ligeia e Guttuso e Picasso e tutto. Lasciamo anche questo tutto. Tanto, non servirà ad afferrare l’immagine di lei “[…] nel quartodisotto codata, e nel quartodisopra […] infantina, bambinesca», come direbbe D’Arrigo“.

“Cosa rimarrà?” – si chiedono gli organizzatori – Forse Berio col suo Omaggio a Joyce o Debussy oppure Henze e i Genesis e gli Annihilator e Cave e Hammill o Buckley? Forse non rimarrà nulla ma tenteremo ugualmente di rievocare la voce di lei e di ritornare in tempo per gustare un sorbetto di scorsonera e cannella o un tè al Piccolo Caffè”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Amato e Corrao: “Una Sanità migliore è possibile solo con scelte mirate” CLICCA PER IL VIDEO

Serve un tagliando alla sanità siciliana in vista della stagione delle influenze e dei virus nel secondo anno post Covid? E quali sono i principali che attanagliano la Sicilia della domanda e offerta di sanità pubblica?

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.