Condividi

Immigrazione clandestina e omicidio, fermati sei egiziani a Lampedusa

giovedì 10 Febbraio 2022

Sei egiziani, ritenuti i componenti l’equipaggio di un barcone di migranti, sono stati fermati all’hotspot di Lampedusa dalla squadra mobile di Agrigento per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e omicidio.

Al centro dell’inchiesta, coordinata dal procuratore Luigi Patronaggio e dal sostituto Elenia Manno, numerosi sbarchi sull’isola. Ai sei è contestato anche l’omicidio di un migrante che, assieme ad altre persone a bordo del natante, sarebbe stato minacciato e picchiato per costringerlo a restare sottocoperta, vicino la zona dei motori, fino a morire.

I sei egiziani, d’età compresa tra i 32 e i 40 anni, sono accusati dalla Procura di Agrigento di avere, “in concorso morale e materiale tra loro, trasportato dalle coste libiche verso le acque territoriali italiane 70 extracomunitari, a bordo di un barcone di circa 10 metri, esponendoli a grave pericolo di vita”.

Lo sbarco di bengalesi è avvenuto lo scorso 22 gennaio. L’indagine, svolta dalla squadra mobile della Questura di Agrigento, coordinata dal vicequestore aggiunto Giovanni Minardi e dal suo vice Geneviève Di Natale, ha permesso di identificare i componenti dell’equipaggio, ricostruendo il ruolo svolto da ciascuno di loro. I poliziotti della Squadra Mobile sono riusciti, ancora una volta, a superare le difficoltà legate al terrore dei migranti degli ‘scafisti’, che erano con loro sul barcone giunto a Lampedusa il 22 gennaio.

Nonostante lo stato psico-fisico, dovuto anche al difficile viaggio in mare, i 70 bengalesi hanno parlato e fornito dettagli che hanno permesso agli investigatori di identificare chi ha traghettato quel gruppo di migranti dalla Libia verso Lampedusa. Oltre al ruolo del capitano del barcone di 10 metri, è stato definito anche il ruolo di chi si è occupato di rifornire i motori di carburante e di chi era demandato al mantenimento dell’ordine a bordo della “carretta”, anche ricorrendo a minacce e percosse. Così come è stato nel caso del migrante che voleva salire in coperta e che invece è stato lasciato morire sottocoperta.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

A Bar Sicilia, Nuccia Albano: “Al fianco dei deboli. Rdc? Siciliani chiedono lavoro”

E’ Nuccia Albano, assessore regionale alla Famiglia, Politiche Sociale e Lavoro, l’ospite della puntata numero 224 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, l’esponente della Dc ha fatto il punto sulle iniziative del Governo a sostegno dei disabili, delle vittime di violenza ma anche sugli interventi a sostegno dell’occupazione

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.