Condividi

Inchiesta appalti: perquisizioni al Genio Civile di Catania, trovati soldi in contanti

venerdì 4 Giugno 2021

La Procura di Catania ha avviato un’inchiesta sulla gestione degli appalti del Genio civile affidando le indagini alla guardia di finanza che ieri ha eseguito delle perquisizioni. La scrive il sito catania.meridionews.it riportando anche che militari delle Fiamme gialle hanno trovato soldi in contanti in alcune delle case in cui hanno fatto i controlli.

Secondo quanto si è appreso, sarebbero alcune decina di migliaia di euro. Sulla notizia di stampa sono intervenuti, con una nota, la Cgil e la Fillea Sicilia sollecitando “controlli costanti e a tappeto sulle stazioni appaltanti” e ricordando che “il vertice del Genio civile di Catania è stato nominato dal governo Musumeci“. 

Cancelleri e MusumeciCANCELLERI: “MUSUMECI INCAPACE DI GUIDARE LA SICILIA”

Il sottosegretario al ministero delle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri attacca: “Se venisse confermato quanto sta emergendo sarebbero fatti gravissimi. Leggo che tra le abitazioni perquisite ci sarebbero quella dell’ingegnere capo del Genio Civile e del responsabile unico dei procedimenti che hanno portato all’affidamento delle gare d’appalto sospette. Ennesimo schiaffo ai siciliani e alla credibilità delle istituzioni, Zuccarello nominato dal Presidente Musumeci commissario straordinario per gli interventi straordinari strategici della Sicilia. Dopo le vicende legali del commissario covid e quelle del suo delfino assessore alla sanità, non è più un legittimo sospetto ma una certezza che Musumeci non sia più capace di guidare la Sicilia e risollevare le nostre sorti. I risultati delle sue attività/nomine finiscono ancora una volta sotto la lente di indagine della magistratura, offendendo la nostra terra che sicuramente merita di più”.

Marco Falcone
Marco Falcone

FALCONE: “FIDUCIA IN MAGISTRATURA, INTERIM A LIZZIO”

«A seguito delle indagini avviate dall’Autorità giudiziaria di Catania, stamane gli ingegneri Natale Zuccarello e Saverio Verde del Genio civile etneo hanno rassegnato le loro dimissioni nelle mani del direttore del Dipartimento regionale Tecnico, Salvatore Lizzio, che le ha accolte. Ove si segnalano zone d’ombra o di opacità nell’azione della Pubblica amministrazione, è giusto che la magistratura promuova le opportune indagini. Al momento, comunque, non abbiamo elementi per valutare i fatti, se non quanto appreso dalla stampa. Ci conforta, però, la certezza di aver visto, in questi tre anni, uno straordinario impegno da parte di tutto il Genio civile etneo, ufficio capace di avviare, per i lavori pubblici nel Catanese, un significativo e tangibile rilancio. Il direttore Lizzio assumerà ad interim la carica di Ingegnere capo». Lo dichiara l’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

Opere pubbliche: Regione nomina due commissari straordinari per accelerare procedure

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.