Condividi

La grande munnizza: rifiuti e discariche abusive a Palermo CLICCA PER FOTO E VIDEO

sabato 20 Novembre 2021

 GUARDA IL VIDEO IN ALTO 

In questi giorni migliaia di palermitani si stanno vedendo recapitare le lettere per il pagamento della Tari, la tassa sui rifiuti con scadenza il prossimo 2 dicembre. La tassa è dovuta da chiunque- si legge sul sito del Comune di Palermo-  possieda, occupi o detenga, a qualunque titolo, locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibite, suscettibili di produrre rifiuti solidi urbani ed assimilati, che insistono interamente o prevalentemente sul territorio comunale.

Le scadenze come sempre arrivano puntuali, ma spesso si scontrano con la realtà dei fatti. Basta fare due passi per Palermo per accorgersi che la città di certo non splende. Scongiurata, infatti, l’emergenza rifiuti dei mesi scorsi la Rap- l’azienda che si occupa della raccolta rifiuti in città- è corsa ai ripari potenziando il servizio di raccolta e di pulizia delle strade. Ma evidentemente questo non basta. Dal centro alle periferie è un susseguirsi di cassonetti stracolmi, di rifiuti riversati sui marciapiedi, creando delle vere e proprie discariche abusive con tanto di mobili e materassi abbandonati. Ormai si vedono ovunque passando per i diversi quartieri cittadini. Dal centro, alla Zisa, passando davanti l’Asp 6 di via La Loggia, da Boccaficalco-Baida, fino ad arrivare alle periferie di Bonagia e Borgonuovo.

GUARDA LE FOTO IN BASSO

Di certo i cittadini, in molti casi, non aiutano ma è pur vero che nonostante gli sforzi messi in atto dalla Rap la situazione è un continuo singhiozzo tra il pulito e il degrado vero e proprio.

E proprio l’emergenza dell’abbandono dei rifiuti ingombranti in città sarebbe finita, nelle scorse settimane, in un esposto alla procura della Repubblica firmato da Girolamo Caruso, amministratore unico di Rap.  Il fenomeno è ormai diventato una vera e propria piaga per la città, utilizzata come discarica.

Nonostante gli sforzi i risultati sono sotto gli occhi di tutti e a pagarne le spese sono sempre i territori e i cittadini onesti che, entro il 2 dicembre, pagheranno il saldo della Tari 2021.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.