Condividi

Lavoratori stagionali verso un inverno drammatico, il sindacato chiede il “reddito di garanzia”

mercoledì 21 Novembre 2018
Pancrazio Di Leo
Pancrazio Di Leo

“Mentre in Italia si continua a discutere di tante cose, che per lo più non sono delle priorità vere, in Sicilia la gente si avvia a dover affrontare un inverno difficile, senza un reddito per migliaia di famiglie e con i lavoratori che avranno terminato di percepire la Naspi già a febbraio”. Il monito arriva dal segretario regionale aggiunto della Fisascat Cisl, Pancrazio Di Leo, che chiede al Governo nazionale e alla Regione Siciliana di affrontare in termini concreti e immediati l’emergenza riguardante in Provincia di Messina, “nel primo polo turistico siciliano”, 20 mila stagionali del settore turismo, commercio e servizi. Per tutti questi lavoratori la stagione turistica, e di conseguenza il periodo occupazionale a tempo determinato, si è concluso e all’orizzonte c’è adesso un inverno di sofferenza. 

“Le strutture ricettive – spiega Di Leo – hanno chiuso, la stagione turistica è terminata, e a questo punto ci sono circa 20 mila lavoratori senza lavoro e che già all’inizio del nuovo anno non avranno più nemmeno un’indennità. Per tre mesi tutti questi lavoratori percepiranno l’indennità di disoccupazione corrispettiva al periodo di impiego che hanno prestato per 6 mesi. Poi, a partire da inizio febbraio la gente si ritroverà senza indennità ma soprattutto priva di prospettive lavorative sino alla primavera, sino insomma all’inizio della prossima stagione turistica. I lavoratori stagionali dovranno sopravvivere nell’imminente inverno con le proprie famiglie in una condizione di estrema difficoltà. E’ evidente che serve una risposta immediata e concreta da parte del Governo nazionale: o si crea lavoro o si cerca di dare un sostegno reale per consentire ai lavoratori e alle loro famiglie di sopravvivere”. “Siamo di fronte ad un’emergenza occupazionale che è anche un’emergenza sociale e le Istituzioni non possono non tenere conto di questa situazione”, prosegue Di Leo.

“In Sicilia – conclude Di Leo – non parlerei di reddito di cittadinanza e semmai direttamente la Regione dovrebbe farsi carico di creare un reddito di garanzia come già è stato fatto in altre regioni italiane, e tra queste in Trentino, e quindi cercare di sostenere i lavoratori che involontariamente vengono estromessi dal lavoro per mancanza di lavoro”.

YouTube player
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.