Condividi

L’ombra dei servizi nella Strage di Capaci: l’ex 007 indagato non risponde

martedì 25 Febbraio 2020
Strage di Capaci, servizi segreti, 007, Peluso,

Giovanni Peluso, l’ex poliziotto ed ex 007 indagato per la strage di Capaci, si è presentato questa mattina all’aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta nel processo cosiddetto Capaci-bis, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Dopo l’accompagnamento coattivo deciso dalla Corte d’assise d’appello di Caltanissetta, perché nella scorsa udienza non si era presentato senza presentare alcuna giustificazione per l’impedimento, oggi Peluso è venuto con il suo legale, ma – riferisce l’Adnkronos – ha deciso di avvalersi della facoltà di non rispondere. Però, davanti alle eccezioni sollevate dalla difesa, la Corte presieduta da Andreina Occhipinti, ha deciso di riunirsi in Camera di consiglio. Sono cinque gli imputati del processo d’appello: Salvo Madonia, Lorenzo Tinnirello, Cosimo Lo Nigro, Giorgio Pizzo e Vittorio Tutino.

“Con la strage non c’entro nulla, proprio quel giorno mi trovavo a fare il corso come soprintendente alla scuola di polizia”. Aveva detto nei giorni scorsi Peluso. Oggi ha reso una breve dichiarazione spontanea a seguito della quale si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Giovanni Peluso, l’ex sovrintendente della Polizia di Stato, con un passato in servizio a Napoli e Roma, è stato indagato da per la strage di Capaci e per associazione mafiosa in seguito alle dichiarazioni del pentito Pietro Riggio. Secondo l’accusa della Procura di Caltanissetta il campano Peluso avrebbe ricoperto il ruolo di “compartecipe ed esecutore materiale della strage di Capaci”.

Il poliziotto Peluso doveva essere sentito in merito alle dichiarazioni fatte dal pentito Pietro Riggio. Quest’ultimo ha raccontato ai pm che il poliziotto gli rivelò di aver preso parte alla strage di Capaci. “Un ex poliziotto (Giovanni Peluso, ndr) mi ha confidato di aver partecipato alla fase esecutiva della strage Falcone – raccontò Riggio – si sarebbe occupato del riempimento del canale di scolo dell’autostrada con l’esplosivo, operazione eseguita tramite l’utilizzo di skateboard. Peluso mi disse: ‘Ma tu sei sicuro, credi ancora che il tasto del telecomando l’abbia premuto Brusca?‘ Io rimasi spiazzato». 

 

LEGGI ANCHE:

I buchi neri della Strage di Capaci: ecco tutti i misteri irrisolti

Giallo al processo “Capaci bis”: l’ex 007 indagato per la strage non si presenta

Strage di Capaci, le nuove verità: “Non fu Brusca a premere il telecomando”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.