Condividi
la dichiarazione

Lukoil, Schifani: “Appoggio al governo nazionale. Pronti a fare la nostra parte”

venerdì 2 Dicembre 2022

“Al governo nazionale e al ministro Adolfo Urso, in particolare, desidero esprimere il mio apprezzamento e plauso per la pronta soluzione adottata con il decreto che di fatto salva la Lukoil”. Lo dice il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani, a seguito del provvedimento adottato ieri sera in Consiglio dei ministri.

Gaetano Galvagno

“Desidero esprimere sincera gratitudine e particolare riconoscimento al Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e al Ministro dello Sviluppo Economico Adolfo Urso per l’importante intervento atto a salvaguardare il futuro degli impianti Lukoil a Priolo. Siamo consapevoli di quanto tutto questo significhi da un punto di vista economico e sociale che rischiava di trasformarsi in una pagina di autentica e drammatica emergenza, non solo per quel territorio ma per tutta la Sicilia”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Ars, Gaetano Galvagno.

“Desidero dare atto al ministro Urso e alla compagine governativa di aver profuso ogni sforzo e di avere mantenuto gli impegni nella direzione della salvaguardia dell’importante polo industriale e soprattutto dei posti di lavoro. – aggiunge – La Regione Siciliana farà la propria parte accanto al governo nel mettere in atto tutte quelle misure e iniziative volte ad agevolare e garantire la sopravvivenza dell’impianto e i livelli occupazionali a rischio”.

Nino Minardo

“Un intervento tempestivo e deciso che tutela l’interesse nazionale e mette in sicurezza un asset strategico per l’economia siciliana e nazionale”. Così Nino Minardo, presidente della commissione Difesa della Camera ha commentato il decreto legge.

“Il decreto legge approvato dal Cdm – spiega Minardo – oltre a salvare Isab-Lukoil mette in sostanziale sicurezza l’intero petrolchimico di Priolo ed evita un disastro occupazionale senza precedenti. Adesso però è importante non abbassare l’attenzione sul petrolchimico, la messa in sicurezza deve essere la premessa necessaria ad una nuova strategia di rilancio e sviluppo” conclude.

“L’interesse nazionale poteva essere tutelato ricorrendo ad una deroga alle sanzioni come hanno fatto

Francesca Donato
Francesca Donato

altri paesi europei. Purtroppo si è scelta la strada di una discutibile nazionalizzazione sostanziale” lo afferma l’eurodeputata indipendente Francesca Donato. “Purtroppo – continua Donato – temo che la scelta del Governo segua la linea imposta dalla presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen che porta alla ‘legalizzazione’ dell’espropriazione dei beni russi in Europa”.

Per la parlamentare europea l’intervento deciso dal Consiglio dei Ministri “più che tutelare l’interesse nazionale terrorizzerà i potenziali investitori asiatici che sapranno che l’unico obiettivo di politica industriale dell’Italia è quello di favorire gli interessi d’oltre Atlantico come dimostra il fatto che un fondo americano sia già pronto a rilevare l’Isab di Priolo”.

Giorgio Mulè

“La raffineria di Priolo Gargallo è salva. Il consiglio dei ministri ha disposto l’amministrazione temporanea dell’impianto per un anno”. Lo afferma il vicepresidente della Camera e deputato di Forza Italia, Giorgio Mulè. Il parlamentare azzurro prosegue: “La svolta è arrivata alla fine di un lungo percorso fatto di impegno costante ed attento, con il Governo che ha dato seguito a un ordine del giorno mio e dell’onorevole Russo che segnava la strada per risolvere la questione”.

“Da oggi le circa diecimila famiglie dei lavoratori impiegati nello stabilimento Isab di Priolo, che con l’entrata in vigore dell’embargo sul petrolio russo avrebbero rischiato di perdere il lavoro, posso stare tranquilli. È una dimostrazione di come con buonsenso e visione i problemi si affrontano e si risolvono”.

Edy Tamajo

«Arriva il commissariamento per la Isab di Priolo: il decreto legge, che dispone l’amministrazione fiduciaria delle raffinerie siciliane che fanno capo indirettamente alla russa Lukoil, è stato approvato dal Consiglio dei ministri. Esprimo gratitudine al governo nazionale per la continua collaborazione e la tempestiva risoluzione del problema. Domenica a Catania, con il governatore Schifani e l’assessore Falcone, incontreremo il ministro del Mimit, Adolfo Urso, per continuare a lavorare su questo importante e delicato problema che coinvolge numerose famiglie siciliane. Una vicenda che sta a cuore al presidente della Regione e a tutta la Giunta. Siamo costantemente al lavoro con Roma per evitare la “bomba sociale” che la chiusura dello stabilimento provocherebbe sul territorio». Lo afferma l’assessore regionale alle Attività produttive, Edy Tamajo.

 

Intanto, in un un comunicato inviato da Isab Lukoil si legge che: “In vista delle imminenti restrizioni alla fornitura di petrolio dalla Russia ai paesi dell’Unione europea che entreranno in vigore il 5 dicembre, Litasco Sa (società del gruppo Lukoil), proprietaria della raffineria Isab , informa di essere pronta a garantire il costante funzionamento della raffineria, viste le materie prime immagazzinate per i prossimi mesi e le future consegne di petrolio di origine non russa”. 


“Da quando ha acquisito la raffineria nel 2008, la proprietà ha investito regolarmente nel suo sviluppo. Di conseguenza, Isab è attualmente una società redditizia, una struttura tecnologicamente avanzata e un partner affidabile per tutti i suoi clienti, fornitori e appaltatori. – aggiunge la nota – Da 14 anni la raffineria onora costantemente i suoi obblighi nei confronti di oltre 10mila italiani che dipendono dal suo funzionamento, oltre a rispettare gli impegni assunti nei confronti delle autorità italiane in materia di tasse, salute, sicurezza e tutela dell’ambiente. Litasco conferma la propria disponibilità a continuare una cooperazione piena e significativa con il governo italiano al fine di garantire il normale funzionamento della struttura”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, scuole, riscaldamenti e pulizia: dai minisindaci le segnalazioni alla II circoscrizione CLICCA PER IL VIDEO

Fotografare lo stato di salute delle scuole elementari della II circoscrizione di Palermo attraverso lo sguardo attento degli stessi alunni. E, allo stesso tempo, avvicinare i più piccoli alla politica, spiegando come funziona la macchina amministrativa.

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.