Condividi

Matteo Salvini, il siciliano. Il leader del Carroccio torna a Palermo per la “Lega dei Popoli”

giovedì 8 Dicembre 2016

Matteo Salvini sbarca in Sicilia. Il segretario della Lega torna a Palermo (nell’ultima missione di febbraio 2015 venne fortemente contestato) dove sabato prossimo darà il via alla “Lega dei Popoli”, il nuovo contenitore politico che dovrebbe consentire una presenza leghista in Sud Italia.  Si scaldano i motori in vista delle elezioni anticipate? Dal Colle, dove oggi sono iniziate le consultazioni a seguito delle dimissioni di Matteo Renzi, è arrivata una sobria ma brusca frenata.

Di sicuro il “ritorno” di Salvini in Sicilia è l’ennesima dimostrazione di come gli effetti del voto referendario abbiano scatenato un effetto domino che ora si fa sentire anche nel centrodestra siciliano. E infatti la notizia dell’arrivo del leader leghista spunta fuori grazie ad alcune scintille nate dalla frizione tra due ex alleati di partito, Alessandro Pagano e Gianfranco Miccichè.

 

 

Alessandro Pagano
Alessandro Pagano

Erano alleati ai tempi del Pdl.  Oggetto del contendere tra i due il votare o non votare e la minor o maggior rilevanza del dogma salviniano in Sicilia. Dilemma sorto proprio dopo il trionfo del No alla riforma costituzionale. A parlare è Alessandro Pagano, deputato nazionale e responsabile per la Sicilia occidentale del progetto di Salvini. Pagano – in passato ha militato in Forza Italia ed è stato più volte assessore regionale – attacca frontalmente il suo ex leader Miccichè che avrebbe definito inesistente la presenza della truppa salviniana nell’isola.  Così, proprio dal rimbrotto inviato a Miccichè, si scopre la visita del leader leghista a Palermo.

Gianfranco Miccichè
Gianfranco Miccichè

Ecco cosa ha detto Pagano per replicare: “Micciché sostiene che l’unica prospettiva politica possibile, anche in Sicilia, siano le larghe intese, quindi bisogna continuare con gli inciuci”. “Faccio solo notare che a Roma sembra che i rappresentanti di Forza Italia la pensino diversamente –continua Pagano – e allo stesso tempo Micciché ritiene che l’alleanza con la Lega sia sbagliata, anche perché al Sud e in Sicilia la Lega non esiste. Su quest’ultima affermazione mi dispiace smentirlo, ma insieme a tanti amici abbiamo avviato il progetto della  Lega dei Popoli e sabato prossimo lo potrà constatare di persona. In quell’occasione insieme a Matteo Salvini terremo a battesimo questo progetto, autonomista, che mira a valorizzare le identità e la sovranità del popolo. Noi siamo per ridare dignità ai cittadini, soprattutto attraverso il voto che va rispettato, prima e dopo. Il resto è solo tattica politica che ai siciliani interessa poco”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Influenza, Covid e nuovi virus: a Bar Sicilia tutti i consigli dei professori Corrao e Vitale CLICCA PER IL VIDEO

Tra i professori inseriti nella World’s Top 2% Scientist, la graduatoria planetaria delle scienziate e degli scienziati con livello più elevato di produttività elaborata dalla Stanford University, ci sono anche Salvatore Corrao, Professore di Medicina Interna dell’Università di Palermo e Capo Dipartimento di Medicina Clinica dell’Arnas-Civico di Palermo e Francesco Vitale, Professore ordinario di Igiene…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.