Condividi
La riflessione

Medici sempre più tecnologici ma poco “umani”, Amato: “I pazienti hanno bisogno di essere ascoltati” CLICCA PER IL VIDEO

venerdì 7 Giugno 2024

La tecnologia sta influenzando sempre più la vita dei medici, dando maggiori possibilità di perfezionare prognosi e cure, ma qualcosa manca ai pazienti: il lato umano. Forse anche colpa delle facoltà di medicina a cui si chiede ma riforma del corso di studi in medicina a cui si chiede riforma.

La medicina è parte delle scienze umane ed esalta tutti gli attributi positivi della vita, guardando l’individuo con una prospettiva pluridimensionale, etica e personalizzata.

“I pazienti vogliono un medico che, oltre a capire di che cosa si soffra, vogliono una cura, vogliono essere ascoltati e capire oltre, ossia capire anche il disagio della persona che sia familiare, economico o un disagio che si portano da tempo e che non l’hanno mai espresso. Il medico, quindi, deve sapere intercettare il bisogno e dare risposta”, spiega il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo Toti Amato, componente del direttivo Fnomceo.

“Oggi si chiede che il medico sappia interagire con le nuove tecnologie. Un fatto positivo, ma c’è ben altro. Questi medici saranno pronti a saper ascoltare le persone? Su questo qualche dubbio nasce. Nelle università si sta puntando a corsi sull’Ia, sulla robotica in sanità. In Italia sono poche le facoltà di medicina che hanno dei corsi di etica. In Europa e nel mondo, invece, oltre l’aspetto tecnologico ci sono università come Oxford, dove nei primi tre anni del corso di medicina ci sono dei crediti formativi dedicati all’ascolto del paziente. Quindi gli studenti vengono portati accanto ai pazienti per imparare ad ascoltare. Questo è un grande passo. Probabilmente abbiamo anche noi, in Italia, la necessità che la formazione universitaria dia importanza alla cultura umanistica“, prosegue.

“Come presidente dell’Ordine dei Medici insisto sempre sulla formazione umanistica – conclude -, anche perché aiuterebbe a prevenire gli atti di violenza contro i sanitari. Questi atti possono essere determinati da tanti fattori, tra cui la comunicazione”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.