Condividi

Monitoraggio dei Pendolari, 11 ore di ritardo sulla Me-Ct. “Colpa dei furti di rame”

giovedì 12 Gennaio 2017

Giosuè Malaponti

Non bastano le cattive condizioni meteo, e i ritardi di Trenitalia. A peggiorare la situazione del servizio ferroviario regionale ci si sono messi pure i ladri di rame. Lo rende noto Giosuè Malaponti, presidente del “Comitato Pendolari Siciliani – Ciufer”. 

«Lo scorso 10 gennaio – scrive in una nota – sul tratto di linea ferrata tra Acireale e Giarre abbiamo registrato disservizi che certamente non possiamo imputare al gestore dell’infrastruttura, Rete Ferroviaria Italiana, né all’impresa ferroviaria di trasporto, Trenitalia. È opportuno precisare che delle 11 ore di ritardo complessive, almeno 90 minuti sono da addebitare all’inconveniente dei furti dei cavi di rame sulla tratta Siracusa-Catania-Messina».

Sono state monitorate le seguenti tratte ferroviarie: Messina-Catania-Siracusa, Catania-Caltagirone-Gela, Catania-Caltanissetta-Palermo, Palermo-Messina, Palermo-Caltanissetta-Modica, Palermo-Agrigento per un totale complessivo di 156 treni.

Questi i risultati del monitoraggio:

  • Treni monitorati: 156
  • Treni arrivati in anticipo: 31
  • Treni arrivati in orario: 20
  • Treni arrivati in ritardo entro i 5 minuti: 53
  • Treni arrivati in ritardo oltre i 5 minuti: 44
  • Treni soppressi: 8
  • Treni-Km non effettuati: 508
  • Totale complessivo minuti di ritardo: 660, pari a 11 ore

«Non contenti di questi risultati – prosegue Malaponti e dalla segnalazione di alcuni pendolari abbiamo voluto monitorare i primi treni del mattino di ieri (11 gennaio) con i quali si spostano migliaia di pendolari in tutta la Sicilia e precisamente quelli che interessano la fascia oraria che va dalle ore 6.00 alle ore 9.00, nelle seguenti relazioni ferroviarie: Messina-Catania-Siracusa, Catania-Caltagirone-Gela, Catania-Caltanissetta-Palermo, Palermo-Messina, Palermo-Caltanissetta-Modica, Palermo-Agrigento».

Ecco i risultati:

  • Treni monitorati: 58
  • Treni arrivati in anticipo: 9
  • Treni arrivati in orario: 2
  • Treni arrivati in ritardo entro i 5 minuti: 14
  • Treni arrivati in ritardo oltre i 5 minuti: 28
  • Treni soppressi: 5
  • Treni-Km non effettuati: 80
  • Totale complessivo minuti di ritardo: 765 pari a 13 ore circa.
Il monitoraggio del Comitato Pendolari
Il monitoraggio del Comitato Pendolari Siciliani

«Una domanda ci sorge spontanea, se ieri pur essendoci stato l’inconveniente del furto dei cavi sulla Catania-Messina e pur avendo monitorato il triplo dei treni (156), come mai i minuti di ritardo del monitoraggio dei 58 treni della fascia oraria 6/9 di ieri è salito a 13 ore circa? Quali inconvenienti ci sono stati? E dove? Il Dipartimento Trasporti viene informato in tempo reale dei disservizi sulla rete? Abbiamo verificato nel sito di “Infomobilità” di Fsnews.it e non vi sono problemi alla circolazione in nessuna delle relazioni ferroviarie siciliane. Questi enormi ritardi a chi imputarli? Per quanto riguarda il problema disagi e i disservizi dovuti ai ritardi come intende intervenire il Dipartimento Trasporti regionale nell’ottica del rinnovo contrattuale per il trasporto ferroviario siciliano scaduto il 31/12/2016 e del quale non si conoscono i contenuti? L’unica indiscrezione di cui siamo a conoscenza – rivela – è il quesito che la Regione si sta ponendo se rinnovare il Contratto di Servizio a 10 anni così come previsto nel “Contratto ponte” o come propone Trenitalia di allungare il Contratto con la formula di 10+5 anni, con l’impegno di ammodernare il parco rotabile dei mezzi che circolano in Sicilia».

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.