Condividi
A Catania

Muore dopo trasfusione con sangue infetto, Ministero della Salute paga i risarcimenti

giovedì 27 Luglio 2023

Si conclude dopo nove anni l’Odissea patita dai familiari di un catanese deceduto a causa di trasfusioni infette. Il risarcimento ammonta a un milione e duecentomila euro.

Si tratta di una cifra importante  e non comune per gli importi riconosciuti  in questi casi agli eredi superstiti, che indennizza la tragedia di una famiglia che ha perso ingiustamente il proprio caro”. A dichiararlo è l’avvocato Pietro Frisani che ha seguito la famiglia nella lunga impresa.

Il fatto

Nel 1988, in seguito al ricovero, per un intervento chirurgico, in una struttura sanitaria catanese, la vittima aveva avuto necessità di sangue e plasma. Solo nel 1997 l’uomo aveva casualmente scoperto la positività al virus dell’epatite C. Né lui né i familiari erano stati in grado di collegare questo fatto alle trasfusioni di 9 anni prima e che provocheranno la cirrosi epatica e  il tumore che porterà alla sua scomparsa nel 2012.

Nel 2014 vedova e figli,  con il supporto dello Studio Legale Frisani di Firenze, avevano deciso di promuovere  giudizio avanti al Tribunale di Catania.

Solo nel 2022 la sentenza di I° grado che aveva riconosciuto la responsabilità del Ministero della Salute, per omessa attività normativa e carenza di vigilanza, condannandolo a risarcire gli eredi. Lo stesso Consulente Tecnico del Tribunale aveva confermato la tesi, sostenuta dallo staff medico dello Studio Legale Frisani, che plasma e sangue trasfusi erano stati il veicolo dell’infezione, poi rivelatasi letale.

La Corte d’Appello di Catania ha ribadito, nel 2023, il giudizio che  ha portato, nei giorni scorsi, al ricevimento degli assegni  consegnati agli eredi dagli avvocati Pietro Frisani e  Chiara del Buono.

“Non è più procrastinabile l’obbligatorietà di un modello di informazione e tutela dei fruitori dei servizi  sanitari, analogo a quello previsto per i consumatori generalmente intesi, come nel caso della carta dei viaggiatori. Le aziende sanitarie dovrebbero essere obbligate ad allargare la base di informazione. Quindi non solo al consenso sulla prestazione sanitaria da eseguirsi,  ma anche sui diritti  successivi alla prestazione stessa che invece vengono ancora lasciati all’iniziativa individuale.”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Europee, la diretta in studio: analisi, ospiti e commenti CLICCA PER IL VIDEO

Dagli studi de ilSicilia.it le prime riflessioni sulle elezioni europee

BarSicilia

Bar Sicilia dal ‘Vittorio Morace’ di Liberty Lines, Cotella: “Ecco il primo ibrido al mondo”

I lettori de ilSicilia.it possono godersi in quest’anteprima le novità dell’imbarcazione chiamata a collegare i mari e i viaggiatori di Sicilia, in particolare tra Trapani e le Egadi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.