Condividi

Musei chiusi per carenza di personale, Schillaci (M5s) chiede seduta della Commissione cultura Ars

mercoledì 28 Febbraio 2018
Roberta Schillaci
Roberta Schillaci

“Governo nuovo, vizi vecchi. A cento giorni dalle elezioni e nell’anno di Palermo Capitale della Cultura i siti di interesse culturale continuano a restare inaccessibili ai visitatori. E in un’annata dalle carte in regola per segnare i record di visite e accessi nei siti culturali dell’Isola e in particolare a Palermo i musei regionali continuano ad essere inaccessibili perché mancano i custodi”.

Lo dice la deputata regionale del M5S e componente della commissione Cultura dell’Ars Roberta Schillaci, che ha chiesto la convocazione di un’audizione urgente in quinta commissione con gli assessori regionali al Lavoro e Beni Culturali Mariella Ippolito e Vittorio Sgarbi, le organizzazioni sindacali e i dirigenti dei musei regionali per affrontare il tema della carenza di personale nei siti culturali dell’Isola.

“Ci chiediamo – sottolinea – cosa aspetti il Governo a intervenire per risolvere un problema annoso e non più tollerabile, in una terra a vocazione turistica come la Sicilia, che oggi più che mai dovrebbe puntare e far leva sull’economia del turismo quale motore di sviluppo e crescita e che annovera ben sette siti Unesco”.

Stando ai dati del Dipartimento regionale ai Beni culturali, infatti, in Sicilia sono circa 1. 200 gli addetti impiegati in attività di vigilanza, conservazione e fruizione del patrimonio culturale nei 130 siti museali dell’Isola.

“Occorre ragionare a una riorganizzazione complessiva – sottolinea la deputata –  avendo come faro due aspetti: da un lato considerare che su un bacino di 1.200 addetti non tutto il personale in servizio può essere adibito ad attività di custodia, dall’altro tenere ben a mente che buona parte dei custodi attualmente  impiegati nei musei sono prossimi alla pensione”. 

“Per questo motivo – aggiunge la parlamentare – occorre immediatamente avviare un’interlocuzione con il Governo e le parti sociali e avviare un tavolo di concertazione per riorganizzare il settore”. E riferendosi al ruolo nel governo Musumeci affidato a Vittorio Sgarbi afferma: “Sembra un fantasma. Forse vuole battere il record mondiale di assenteismo”. “Invece di lavorare per la Sicilia e tacere, per citare il suo presidente della Regione, ha una sola ossessione: lanciare strali via social contro Luigi Di Maio e il M5S e fare campagna elettorale nei collegi dove è candidato nella speranza di ottenere una poltrona più ‘robusta’ in quel di Roma”, conclude.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il presidente dei Rettori Cuzzocrea a Donna Sarina: “Le Università non sono gli ermellini ma gli studenti” CLICCA PER IL VIDEO

Nella seconda puntata del format web è il presidente della Crui e Rettore dell’Università di Messina Salvatore Cuzzocrea a raccontarsi a Donna Sarina

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.