Condividi

Musei: uno su otto non riaprirà più. Ecco l’impatto del Covid-19

mercoledì 24 Giugno 2020
musei

Il 90% dei musei del mondo ha chiuso i battenti e oltre il 10% potrebbe non riaprire mai più.

“La pandemia COVID-19 ha interrotto le attività dei musei di tutto il mondo, minacciando la loro sopravvivenza finanziaria e il sostentamento di migliaia di professionisti dei musei. Per analizzare l’impatto del blocco, il sondaggio ha riguardato cinque temi, tra cui la situazione attuale per musei e personale, impatto economico e digitale e comunicazione“. A dirlo è lUNESCO.

I dati emergono da due report congiunti tra l’agenzia delle Nazioni Unite e un sondaggio dell’International Council of Museums (ICOM).

I NUMERI

Nel mondo sono 95mila le istituzioni museali. Il 65% di esse è situata in Nord America e Europa occidentale, il 34% in Europa orientale, America Latina e Stati dell’Asia-Pacifico. Solo il 0,9%  è situato in Africa e lo 0,5% negli Stati arabi.

Di 85.000 istituzioni circa il 90 % di tutti i musei di tutto il mondo hanno chiuso durante il lockdown. 1.600 musei internazionali, ossia il 13% degli intervistati dall’ICOM ha riferito la chiusura definitiva. Un altro 19,2% ha dichiarato di non essere sicuro di poter continuare l’attività e quindi la possibile apertura.

Tra quelli che rimarranno aperti, ci saranno meno risorse con cui operare. Infatti quasi l’83%  dei musei ridurrà la programmazione. Previsto inoltre un forte taglio del personale, confermato, purtroppo, dal fatto che il 20% dei lavoratori dei musei ha perso già il lavoro.

Aggravante, secondo l’Unesco, oltre a una riduzione del turismo internazionale, la crisi economica porterà a un minore sostegno da parte dei donatori, che rappresenta dal 5% al ​​100% dei budget di alcuni musei.

I  FREELANCE

La situazione più allarmante è per la categoria dei professionisti freelance. Il 16,1% degli intervistati ha dichiarato di essere stato temporaneamente licenziato e al 22,6 % non gli è stato rinnovato il contratto.

L’UNESCO

Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO, ha dichiarato che “È urgente rafforzare le politiche a sostegno di questo settore, che svolge un ruolo essenziale nelle nostre società per la diffusione della cultura, dell’istruzione, della coesione sociale e del sostegno all’economia creativa“.

L’ICOM

Siamo pienamente consapevoli e fiduciosi nella tenacia dei professionisti dei musei per affrontare le sfide – ha dichiarato il presidente dell’ICOM Suay Aksoy in una nota- . Tuttavia, il settore museale non può sopravvivere da solo senza il sostegno del settore pubblico e privato. È indispensabile raccogliere fondi di emergenza e mettere in atto politiche per proteggere i professionisti e i lavoratori autonomi con contratti precari”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Giornata mondiale del turismo a Palermo: tra ruolo strategico delle infrastrutture e trasversalità CLICCA PER IL VIDEO

Due giornate con uno sguardo al turismo con fiducia, tra nuove politiche di settore, strategie di mercato e la formazione di un capitale umano specializzato in innovazione, intelligenza artificiale e management

BarSicilia

Bar Sicilia, Bandiera: “A Siracusa quest’anno sfioreremo il milione di presenze”

Maria Calabrese e Maurizio Scaglione “in trasferta” a Siracusa intervistano il vicesindaco Edy Bandiera

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.