Condividi

Museo Salinas di Palermo: vernissage per la mostra del Maestro “Francesco Messina” CLICCA PER IL VIDEO

martedì 16 Novembre 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il grande Maestro torna nella sua Sicilia”: al Museo archeologico regionale Antonio Salinas di Palermo la vernissage della mostra “Francesco Messina, greco di Sicilia”, a cura di Andrea Giuseppe Cerra, Maria Fratelli e Caterina Greco.

“Greco di Sicilia” è il modo in cui si è sempre proclamato con orgoglio il grande Maestro siciliano originario di Linguaglossa (Catania), che ci ha lasciato il suo sguardo sul mondo attraverso preziose sculture che esaltano la plasticità del movimento ed esprimono ancora oggi l’attualità di una bellezza che è un inno al creato nelle sue forme.

La cerimonia di inaugurazione della mostra è stata inaugurata dall’Assessore regionale dei Beni Culturali e dell’Identità siciliana Alberto Samonà che, insieme alla Direttrice del Museo Salinas, Caterina Greco, ha voluto riportare in Sicilia le opere del grande Maestro, recuperandone tutta la modernità in un dialogo tra antichità e contemporaneità. Alla manifestazione artistica era presente la Direttrice dello “Studio Museo Francesco Messina”, Maria Fratelli, che ha condiviso l’idea progettuale, l’esperto del Sindaco di Linguaglossa in materia di politiche culturali, Andrea Giuseppe Cerra, che è anche testimone del contributo del paese natale dello scultore nella cura della memoria dell’Artista.

La mostra è stata allestita con diciotto opere che appartengono alla collezione permanente dello Studio Museo Francesco Messina di Milano e che sono state scelte per la loro capacità di raccontare, in maniera esemplificativa, i temi su cui l’artista si è incessantemente esercitato nel corso della sua lunga vita: il corpo, l’ideale classico, il frammento, il movimento e la vitalità nelle ballerine e nei cavalli in corsa.

I bronzi di Francesco Messina si relazionano con le opere della collezione permanente del Museo archeologico siciliano che li ospita dando vita a uno speciale dialogo che, da una parte saggia la tenuta dell’ispirazione all’antico da parte dello scultore al cospetto degli originali greci e romani, dall’altra documenta l’adesione tra contenuto e forma nel ‘900, nel rapporto con l’inscalfibile validità dell’arte antica.

Il ritorno nell’Isola, all’interno di uno dei più prestigiosi musei siciliani e nazionali, rende onore all’arte di un Maestro del Novecento – sottolinea l’assessore Samonà – e realizza un fortunato e pregevole connubio tra antico e contemporaneo smentendo, alla prova dell’arte, il presagio che gli faceva dire ‘Il pensiero che più mi sgomenta è la quasi certezza che uomini come me saranno presto considerati fossili preistorici. Perché l’arte figurativa è già lettera morta per le nuove generazioni’. Ancora una volta, invece, elementi di tempi diversi fra loro dialogano, ricucendo quello strappo, quella cesura che, anche antropologicamente, ha generato quasi un’interruzione nella comunicazione tra passato e presente”.

“Francesco Messina conferma la sua attualità in questa mostra – dice la direttrice del Museo Salinas – recuperando la continuità del dialogo artistico tra passato e presente. E se, come profetizzava Francesco Messina, ‘solo i musei potranno testimoniare, nella più fortunata ipotesi, la nostra sopravvivenza’ questa mostra attualizza il suo pensiero e lo rende un testimone di tutti i tempi”.

“Le collezioni del Salinas, le sue prestigiose sale, l’operosità di un museo di rilevanza internazionale valorizzano le opere di Messina, greco di Sicilia, portando il confronto in un’altra direzione temporale, ma con lo stesso approccio critico che vede le opere del maestro affiancate a Milano, di volta in volta, con le più recenti espressioni della scultura contemporanea. La mostra di Palermo è, quindi, – spiega Maria Fratelli, direttrice del Museo Francesco Messina di Milano – occasione preziosa di collaborazione tra Musei e confronto tra opere e tensioni ideali”.

“Nonostante sia stato uno dei maggiori esponenti della scultura figurativa del Novecento, del linguaglossese aveva la faccia, la cadenza dialettale, le mani grosse e dure e si definiva, al pari di Salvatore Quasimodo, “Greco di Sicilia”. La mostra al Museo Salinas – aggiunge Andrea Cerra – attraverso un dialogo pieno di contemporaneità rende omaggio a un grande siciliano che ha saputo vivere pienamente da artista, non temendo mai il mito dell’attualità e mirando all’eternità della bellezza. Dopo avergli dedicato un museo, il comune di Linguaglossa partecipa al ritorno di Francesco Messina in Sicilia attraverso questa mostra, risarcendolo così del riconoscimento che avrebbe desiderato in vita”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.