Condividi

Paceco, neonato abbandonato in un sacchetto di plastica: è vivo

martedì 4 Ottobre 2022

Trovato un neonato abbandonato in un sacchetto di plastica in una stradina sterrata a Paceco, nei pressi della scuola elementare, dai Carabinieri di Trapani.

Il piccolo era stato lasciato lungo una strada di campagna privata. A trovarlo è stato il proprietario dell’area, un contadino che stava andando a lavorare il suo terreno e che ha poi chiamato i carabinieri. La zona non è trafficata e il ritrovamento è stato del tutto casuale. Il neonato, al quale è stato tagliato il cordone ombelicale, era in un sacchetto di plastica aperto. I carabinieri e i medici hanno voluto chiamarlo Francesco come il carabiniere che lo ha preso in braccio per prima, tenuto conto che oggi è anche San Francesco. Si indaga per risalire alla madre anche visionando le telecamere della zona

Avvisato il 118, è stato trasportato in ospedale dove si trova non in pericolo di vita.

Non voglio giudicare nessuno perchè non so quale storia ci sia dietro, ma certo di questi tempi ci sono mille modi per vivere una maternità non voluta, modi che non mettano a rischio la vita del bambino che è vivo per miracolo“. Parla ancora con emozione della vicenda vissuta ieri Alberto Marino, vicebrigadiere dell’Arma che ha partecipato alle operazioni di soccorso del neonato trovato in un sacchetto di plastica su una strada nella campagne di Paceco, nel trapanese. I militari dell’Arma hanno aperto una inchiesta per abbandono di minore e stanno cercando di risalire alla madre del piccolo sfuggito a morte certa.

Sono ancora molto emozionato“, dice il carabiniere che, da anni, lavora al Nucleo operativo Radiomobile di Trapani raccontando la giornata di ieri. Insieme al collega, l’appuntato Tumbarello si è occupato delle prime fasi dell’intervento scortando il piccolo all’ospedale. “Sta bene – spiega raccontando che il bimbo sarebbe nato circa 9 ore dopo il ritrovamento-, pesa 3 chili ed è lungo 50 centimetri. E’ bellissimo ed è forte, spero da grande faccia il carabiniere“. Al bambino è stato dato il nome di Francesco Alberto. Francesco come il santo patrono del quale ieri ricorreva la festa, Alberto come il militare che l’ha soccorso.

Simona La Placa, direttore di Neonatologia all’ ospedale S. Antonio Abate di Trapani dove è ricoverato il neonato dichiara che “Francesco Alberto è in buone condizioni generali. Si alimenta al biberon. Sta bene è ricoverato nel reparto di Terapia intensiva per un monitoraggio visto il contesto in cui è stato ritrovato e i segni di disidratazione che però si sono risolti rapidamente con adeguato trattamento. Mangia al biberon, pesa 3 chili, sembra nato a termine di gravidanza e non ha apparenti complicanze“.

Adesso – aggiunge – quello che a noi preme sottolineare è che è possibile partorite in assoluto anonimato in ospedale senza nessun rischio e assecondando il diritto della donna di non riconoscere il figlio e al tempo stesso di garantire la sicurezza del parto e del nascituro“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.