Condividi

Estorsione e intimidazioni, sei arresti a Messina [i nomi]

martedì 24 Aprile 2018

I Carabinieri hanno eseguito a Messina un provvedimento cautelare nei confronti di sei persone ritenute responsabili, a vario titolo, di estorsione, detenzione e porto abusivo di armi, spaccio di stupefacenti, furto aggravato, ricettazione e minacce. I particolari dell’operazione saranno comunicati in mattinata dagli investigatori

Destinatari del provvedimento cautelare sono stati i messinesi Maurizio e Santino Calabrò, Giuseppe Giacomo, Alessandro La Boccetta, Angelo Crisafi già detenuto, Beniamino Cirillo, anche lui in carcere per altre accuse.

Gli arresti sono stati disposti nell’ambito di una inchiesta, avviata nel 2014 dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Messina Sud e coordinata dai pm di Messina Liliana Todaro e Antonio Cerchietti, che ha già portato in cella Crisafi per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso al titolare un noto negozio di abbigliamento della città.

I successivi sviluppi dell’indagine hanno permesso di accertare che gli altri indagati erano coinvolti nella gestione dello spaccio di sostanze stupefacenti e due di loro avevano la disponibilità di armi, utilizzate – a scopo intimidatorio – per sparare contro la vetrina di un’attività commerciale e contro le finestre dell’abitazione di un pregiudicato.

In particolare, Crisafi, La Boccetta, Santino Calabrò e Cirillo operavano nel quartiere “Santa Lucia Sopra Contesse” mentre Maurizio Calabro’ e Giacoppo tra i rioni “Gazzi” e “Villaggio Aldisio”. In alcuni casi gli indagati hanno usato la violenza per prendersi i soldi della droga dagli acquirenti. E’ stato accertato, infatti,che Crisafi ha minacciato un uomo che aveva contratto un debito. E’ andata molto peggio a un giovane, rimasto vittima di una punizione da parte di Calabrò che, sempre per riscuotere il denaro, l’ha preso a bastonate. Non ottenendo i soldi è andato a minacciare il nonno della vittima che ha saldato il debito cedendogli a garanzia l’auto.

I militari hanno accertato anche che il 21 novembre 2014, dopo aver ottenuto la disponibilità di una pistola, due indagati hanno raggiunto a bordo di uno scooter la bottiglieria “La Spagnola” e sparato contro la vetrina in pieno giorno tra la folla. Il Ris ha scoperto che si trattava della stessa arma usata da Cacioppo contro la casa di Domenico Musolino, pregiudicato da “punire” perché aveva rubato senza ‘autorizzazione’.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il presidente dei Rettori Cuzzocrea a Donna Sarina: “Le Università non sono gli ermellini ma gli studenti” CLICCA PER IL VIDEO

Nella seconda puntata del format web è il presidente della Crui e Rettore dell’Università di Messina Salvatore Cuzzocrea a raccontarsi a Donna Sarina

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 62° puntata: Tecnologia Sanitaria

La 62^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’evoluzione tecnologica in ambito sanitario. Enormi vantaggi e miglioramento della vita per un nutrito numero di pazienti siciliani

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.