Condividi

Palermo 2017. Orlando e Ferrandelli ci mettono la faccia. Senza simboli di partito per fermare i Cinquestelle

venerdì 13 Gennaio 2017

Tutti contro tutti, ma senza simboli. Un ritornello ormai a cadenza regolare  che coinvolge i due candidati, fin qui certi, per lo scontro della prossima primavera al Comune di Palermo, Orlando e Ferrandelli .A voler essere ancora più  precisi, la candidatura annunciata  è quella del secondo, ma  anche sul sindaco uscente, siamo a buon punto. Anzi le voci di un ritiro “a sorpresa” del “Professore“‘ ormai sono del tutto scomparse.

Poco più di un anno fa, quando diede l’ordine di cominciare a lavorare sui territori, per una ipotesi di lavoro di liste da preparare per eventuali elezioni regionali, a prescindere da una sua possibile candidatura  alla presidenza o meno, Orlando,  rivolgendosi ad uno dei suoi fidati luogotenenti ebbe a dire : “State tranquilli, ci verranno a cercare, è solo una questione di tempo“. Gli sherpa in questione erano gli esponenti del Pd, che sfilacciavano la tela di Penelope di una trattativa complicata, non avendo mai la forza di contrapporre  all’ uscente una concreta ipotesi alternativa.

Le trattative per una candidatura a Palazzo d’Orleans, rimasero latenti  senza sbocchi, ma una cosa Orlando seppe cogliere in quell’occasione, il Pd era il solito di luogo di confluenze dove Cracolici, Lupo e Faraone, si marcavano “a tempo indeterminato”, senza concedere  nulla l’uno all’altro in termini dì spazi di manovra.

Da queste premesse e dalla certezza che le “desistenze virtuose” con i DEM si sarebbero potute imbastire in qualsiasi momento, nasce l’Orlando senza simboli di oggi. Un discorso completamente diverso  va fatto per Ferrandelli a cui la corte di una serrata area centrista e di destra, inizialmente non è dispiaciuta. Ferrandelli ha però compreso nel tempo che la sua candidatura di rottura e discontinuità doveva essere più  laica possibile. Non un problema di colori, ma un codice visibile chiaro a tutti per il quale non era possibile fare deroghe. Secondo alcuni Miccichè starebbe ancora pensando ad un laboratorio più ampio dive confluire per giocarsi una partita più ampia. Anche il centro di Cuffaro prende tempo, ma i ripensamenti del giovane Ferrandelli  difficilmente si potranno compiere. Se Ferrandelli avesse scelto il dialogo con i partiti, probabilmente non avrebbe escluso neanche il suo di provenienza. Anche se oggi dal Pd i suoi ex amici sono poco teneri nei suoi confronti. Ricambiati in questo da Ferrandelli. Esiste però  un valore aggiunto dei simboli nella crisi più  nera ed irreversibile? Sono ancora un riferimento? La sensazione  è che a duellare con in linguaggio ruvido dello sconto con il M5S, servano mani libere. Un motivo in più probabilmente per correre solo con le proprie facce. Comunque vada.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.