Condividi
La dichiarazione

Palermo, beni confiscati. Varchi (FdI): “San Paolo Palace caso esemplare di gestione. No a uso a piacimento”

sabato 20 Maggio 2023

“Il San Paolo Palace è una bella storia palermitana da raccontare in tutta Italia. Lo Stato ha vinto la sfida con la mafia anche in campo economico, confiscando un’azienda, rendendola pienamente competitiva e riuscendo a mantenere un livello occupazionale elevato per gli standard della nostra città. Per questo motivo mi sorprende che qualcuno possa considerare il San Paolo Palace solo come immobile da poter destinare a piacimento a qualsiasi funzione perchè non è così” Lo dichiara il parlamentare nazionale di Fratelli d’Italia nonchè Vicesindaco con delega ai Beni confiscati di Palermo, Carolina Varchi, in merito alla richiesta avanzata nei giorni scorsi, da parte di Ersu, che vorrebbe chiederne l’assegnazione per destinarlo a residenza universitaria.

“Il San Paolo Palace è un esempio, è la prova che lo Stato fa applicare le proprie leggi e produce economia sana, posti di lavoro veri ed è pertanto un’eccellenza frutto di valore e impegno dell’Agenzia nazionale beni confiscati, prosegue Varchi, questa best practice, anzi, deve indurre le Istituzioni a ripensare la gestione dei beni confiscati in modo da valorizzarne il potenziale economico, nel rispetto della legalità ed evitando ogni ipotesi di rischio infiltrazioni”.

La struttura, che è anche l’hotel di massima capienza in città, è l’unico centro congressi rimasto nella vasta area della Sicilia nord occidentale. Sequestrato nel 94 ad un prestanome dei Graviano e poi definitivamente confiscato nel 2000, è oggi un’azienda in piena attività, sotto la Direzione attenta e scrupolosa di Salvo Romano. Durante la pandemia è stato trasformato in covid hotel, facendo registrare 43.511 room night e riuscendo a servire 120mila pasti rispettando tutte le prescrizioni e le tutele per la salvaguardia del personale.

Ha riaperto i battenti il primo maggio del 2022 raggiungendo subito i livelli ricettivi del 2019 e diventando punto di riferimento per turisti che arrivano da ogni continente. Grazie all’opera delle maestranze interne, senza ricorrere all’indebitamento, sta effettuando una ristrutturazione dei vari piani e delle camere, migliorando dunque l’offerta ricettiva. Qualche numero: 14 piani fuori terra e 2 nel sottosuolo per il centro congressi. 280 camere, 560 posti letto, ristorante per 460 coperti a piano terra e ristorante panoramico all’ultimo piano per 250 coperti, ristorazione all’aperto sia nella zona della panoramica piscina, sia a piano terra. Centro congressi appena ristrutturato con tutte le sale attrezzate con i più moderni mezzi tecnologici per favorire lo svolgimento di ogni attività (prove concorsuali, convegni, assemblee da remoto, congressi, etc).

Sono in programma interventi di efficientamento energetico che saranno realizzati grazie a due finanziamenti già approvati. Attualmente occupa circa 65 dipendenti regolarmente assunti, 20 circa extra fissi e si serve di una ditta in ausilio per la pulizia delle camere, impiegando altre 20 persone con una loro responsabile. Parliamo, quindi, di circa 100 stipendi che vengono erogati mensilmente ad altrettante famiglie.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Teatro Massimo, poliambulatorio solidale “Missione Speranza e Carità”. Betta: “Ci uniamo e contribuiamo per la costruzione” CLICCA PER IL VIDEO

Tra i ruderi dell’ex Aeronautica Militare di via Decollati a Palermo, un altro edificio sta per essere recuperato e diventerà un poliambulatorio sociale gestito dalla “Missione Speranza e Carità”. Arriva il Teatro Massimo di Palermo a dar man forte al progetto, aprendo le porte agli spettatori per la prova generale dello spettacolo di danza “Carmen” e…

BarSicilia

Bar Sicilia, Raoul Russo zittisce il pettegolezzo: “Matrimonio solido tra FdI e Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Partito da Roma, arriva a Bar Sicilia Raoul Russo, intervistato da Maurizio Scaglione e Maria Calabrese. Il senatore palermitano, che siede tra le fila del partito di Giorgia Meloni, è stato nominato come componente della Commissione bicamerale Antimafia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.