Condividi

Pnrr, il Comune Palermo ha presentato otto progetti per valorizzare i beni confiscati alla mafia

giovedì 28 Aprile 2022
Leoluca Orlando

Sono otto i progetti presentati dal Comune di Palermo per valorizzare altrettanti beni confiscati alla mafia con i fondi del Pnrr, nell’ambito dell’Avviso emanato dall’Agenzia per la coesione territoriale.

Si tratta di progetti per oltre 13 milioni di euro che ci consentiranno di mettere questi immobili a servizio della città e che ospiteranno centri antiviolenza, un nuovo punto dell’Agenzia sociale per la casa, sportelli per l’emergenza abitativa, centri socio educativi per minori disabili, centri di supporto per donne vittime di abusi, centri a sostegno dei giovani e perfino una scuola edile per l’inserimento lavorativo“, afferma l’assessore al Patrimonio Toni Sala.

Restituire questi immobili ai palermitani – afferma il sindaco Leoluca Orlando significa onorare nel migliore dei modi la memoria di chi ha dato la vita nella lotta alla mafia e per la legalità contribuendo al cambiamento culturale della città“.

In particolare il progetto Artemide in via Cagni prevede la realizzazione di un Centro Antiviolenza, un nuovo Punto Snodo dell’Agenzia Sociale per la Casa e una struttura abitativa dotata di alloggi temporanei con servizi comuni. Importo complessivo euro 2.273.434. Il progetto Vesta in Via Cagni riguarda la realizzazione di uffici e sportelli polifunzionali di ascolto della cittadinanza con uno sportello per la casa dedicato in particolare alle donne e uno sportello per le emergenze ed esigenze abitative. Importo complessivo euro 2.498.751,22. Il progetto Noi insieme a voi (viale Regione Siciliana) prevede la realizzazione di un centro socio educativo per minori disabili Importo complessivo euro 2.421.286,14. Il progetto Demetra (piazza Acquasanta) prevede un centro antiviolenza per donne vittime di abusi e la realizzazione di uno sportello di ascolto e orientamento per donne vittime di violenza. Importo complessivo euro 884.022. Il progetto In Natura – Circolo Sociale (Ciaculli) consentirà la realizzazione di uno spazio ricreativo e terapeutico per minori di età compresa tra i 6 e i 14 anni. Importo complessivo euro 619.747. Il progetto Inclusione Socio Lavorativa nel Settore delle Costruzioni (via Fondo Costa) permetterà la creazione di una scuola edile con annessi laboratori e campi prova per la formazione di figure professionali altamente specializzate per favorire l’integrazione sociale. Importo complessivo euro 1.257.012,21. Il progetto Tech for good – Asilo nel bosco e innovation hub (via Cascino) prevede la realizzazione di un centro polifunzionale consistente in un nido e scuola per l’infanzia. Importo euro 2.494.729.
Il progetto Alioth (via Brasca) permetterà la nascita di un Centro polivalente sociale, artistico e culturale finalizzato all’inclusione sociale dei soggetti diversamente abili. Importo complessivo euro 1.285.039.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, differenziata: il futuro di Rap tra porta a porta e raccolta di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Traghettare Palermo verso il futuro attraverso una nuova visione della raccolta differenziata dei rifiuti. È l’obiettivo di Rap, l’azienda partecipata del Comune, rappresentata dall’amministratore unico, l’ingegnere Girolamo Caruso

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.