Condividi
La strategia

Parcheggi, Taormina punta anche su Villagonia. I residenti spingono per la Ztl

venerdì 23 Febbraio 2024

Si avvicina la stagione turistica e a Taormina già si affaccia la necessità di predisporre un piano parcheggi in grado di dare risposte alla città nei mesi in cui il territorio della capitale del turismo siciliano andrà in sofferenza e sarà messo sotto costante pressione da tanti visitatori.

I riflettori della città stanno per accendersi non soltanto sui turisti provenienti da ogni parte del mondo ma anche e soprattutto, in questo caso, sugli avventori del “mordi e fuggi”, in particolare il popolo serale degli eventi che caratterizzeranno il periodo estivo, quando 3-4 mila persone a sera raggiungono la Perla dello Ionio. In previsione dei prossimi mesi il Consiglio comunale di Taormina ha dato l’ok all’affidamento ad Asm (l’Azienda Servizi Municipalizzati) di un’ampia area nella frazione di Villagonia, che verrà riqualificata ed attrezzata e che, a quel punto, amplierà la dotazione dei parcheggi disponibilità in città.

“Nell’ottica della riorganizzazione delle attività del trasporto pubblico locale e dei parcheggi – spiega il vicesindaco di Taormina, Giuseppe Sterrantino, abbiamo approvato un atto importante per ridare alla città un’area che diventerà valvola di sfogo per i residenti ma anche per i residenti della zona a mare di Villagonia, Mazzarò e Mazzeo. Con la possibilità di potersi spostare in modo migliore attraverso i nuovi bus di Asm avremo un trasporto pubblico più strutturato nel territorio e che darà maggiori e migliori opportunità di spostamento ai cittadini e ai lavoratori e agli avventori che vengono qui a visitare la città ed il comprensorio. Questo ci consentirà di dare importanti risposte. I lavori saranno demandati ad Asm, che farà i passaggi necessari. Speriamo e vogliamo essere pronti a giugno con questa area al parcheggio. Il parcheggio di Villagonia sarà un’addizione importante per la città sia per i trasporti che il piano parcheggi della Città di Taormina ed è una soluzione che si inserirà in un quadro più ampio che riguarderà anche le altre frazioni”.

L’obiettivo è quello di ampliare l’attuale dotazione dei circa 2 mila posti auto di cui dispone Taormina, creando delle alternative alle tradizionali opportunità che vengono dal Lumbi e dal Porta Catania, andando anche oltre la locazione estiva del Piano Porto (450 posti auto), l’area che fu sede di un’elipista per il G7 2017 e che anche l’anno scorso il Comune – tramite Asm – ha preso in affitto dalla proprietà – un privato – nel periodo estivo per le serate degli spettacoli.

L’idea ancora più ambiziosa sarebbe quella di reperire almeno altri 2 mila posti dai comuni vicini, come nel caso di Giardini che dispone di ampi spazi nella zona di Recanati, ed anche Letojanni. Allo stesso modo ovviamente Taormina metterebbe i propri spazi a disposizione in caso di necessità per gli altri centri della zona. Ma questa ulteriore carta è legata alla trasformazione di Asm in Spa, che dovrebbe concretizzarsi nei prossimi mesi. Proprio in tale prospettiva si pensa ad un’intesa con i comuni di Letojanni e Giardini in particolare, facendo diventare questi comuni azionisti, anche con quote simboliche (dell’1%) della futura Spa di Asm, per poi ampliare il servizio di trasporto pubblico locale di Asm ad un servizio comprensoriale a copertura dell’Unione dei Comuni (della quale ricordiamo fanno parte pure Castelmola, Gallodoro e Mongiuffi Melia).

Sullo sfondo rimane, ad ogni modo, non solo l’esigenza di avere una maggiore dotazione di parcheggi per il periodo estivo, quando in città c’è il pienone, ma nell’arco di tutto l’anno anche per i residenti. I cittadini fanno sempre più fatica a trovare dei posti auto, rischiano spesso pure la beffa della multa, come avvenuto a tanti in questi mesi. E rimane un’ampia parte di popolazione che è restia a parcheggiare i propri mezzi nei posteggi comunali o che – legittimamente – non vuole sostenere i relativi costi. E allora sono in tanti a sollecitare una svolta che dovrebbe coincidere con una mossa: l’istituzione della Ztl, la Zona al Traffico Limitato in centro storico. La Ztl significherebbe la possibilità di far accedere al centro storico soltanto i residenti, e a quel punto non ci sarebbe insomma l’assalto dei mezzi dei non residenti nelle vie del “salotto” cittadino. I non residenti verrebbero, di conseguenza, invitati a parcheggiare nei posteggi pubblici o comunque a raggiungere il centro con i mezzi pubblici e con la conseguente impossibilità di oltrepassare in auto i varchi previsti dalla Ztl. Rimane da capire, ovviamente, quando e come si potrà finalmente arrivare ad una svolta, la Ztl, che Taormina attende ormai da molto tempo e che sinora è rimasta un “sogno proibito”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.