Condividi

Paura Covid alla Rap: “Troppi in malattia senza giustificato motivo, partite le prime 20 lettere di contestazione”

mercoledì 16 Settembre 2020
Giuseppe Norata RAP
Giuseppe Norata

I positivi certificati restano 36, ma ci potrebbero essere altri cinque o sei casi sospetti – aggiunge – Dai tanti sierologici e tamponi fatti emerge una cosa chiara. I lavoratori Rap sono immuni al virus. Soprattutto quelli che si occupano della raccolta dei rifiuti. O perché hanno fatto dei vaccini professionali o perché negli anni hanno creato un’ottima difesa. E’ questo quello che emerge dall’analisi fatta dall’Asp. I positivi sono tra gli autisti o tra quelli che lavorano in ufficio. Come è dimostrabile in modo chiaro dai risultati delle analisi l’azienda in tutti i suoi reparti è un luogo sicuro dove non avviene la trasmissione e per l’uso dei dispositivi di sicurezza e per le continue sanificazioni”.  Lo dice Giuseppe Norata presidente della Rap che ieri ha preso parte ad un incontro per fare il punto della situazione sanitaria nell’azienda che si occupa dei rifiuti a Palermo.

Alla luce di tutto questo l’azienda dopo un primo momento di sbandamento sta riprendendo in mano la situazione e annuncia il pugno duro.

“Con queste premesse non c’è più motivo per mettersi in malattia. Per questo sono già partite le prime 20 lettere di contestazione e ne partiranno altre. Senza giustificato motivo partiranno le sanzioni previste dal contratto”.

E Norata aggiunge: Il virus alla Rap è arrivato da fuori. O qualche dipendente che ha trascorso le vacanze fuori dalla Sicilia o portato dal figlio di qualche lavoratore che è stato fuori dalla regione. L’Asp di Palermo ha fatto un’analisi epidemiologica molto precisa ricostruendo tutti i contatti e tutti i passaggi. Ed è questo che emerge”. 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.