Condividi

Pizzo e mafia: tre arresti nel Catanese, farebbero parte del clan Santangelo

sabato 18 Gennaio 2020
arresto-carabinieri
foto d'archivio

Carabinieri della compagnia di Paternò hanno eseguito ad Adrano un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di tre persone accusate dalla Procura distrettuale di Catania, a vario titolo, di estorsione aggravata dal metodo mafioso.

Gli indagati sono indicati come appartenenti al clan Santangelo, attivo nella zona, e considerato un’articolazione locale della ‘famiglia’ di Cosa Nostra catanese Santapaola-Ercolano.

Le vittime sono due imprenditori etnei. Per convincerli a pagare e tacere sono stati gravemente intimiditi: “Se te ne vai dai carabinieri e li porti qua – è stata la minaccia rivolta a uno dei due – io li lego insieme a te nel paraurti della macchina e ci facciamo un giro per la strada!”.

I NOMI

Gli arrestati sono Carmelo Scafidi, di 51 anni, Salvatore Scafidi, di 45, e Giuseppe Calcagno, di 44.

Nei loro confronti il Gip di Catania ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di due imprenditori di Biancavilla. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, i tre ritenuti in ambienti della criminalità organizzata di Adrano, avrebbero minacciato le vittime per un recupero credito vantato da una cooperativa di cui uno di loro era socio nei confronti di un’altra coop in fase di liquidazione.

LE INTERCETTAZIONI

Durante intercettazioni, gli arrestati si rivolgevano alle persone offese con frasi intimidatorie come “tu mi devi dare i soldi… io penso che a qualcuno gli faccio male… perché giustamente io non mi posso muovere devo andare a lavorare, a rubare non ci so andare, ma a fare male alle persone lo so fare”. “Mi sto seccando ora – aggiunge ancora affermando di potersi mettere eventualmente ‘a disposizione’ – non mi voglio seccare.. io ti voglio bene…. Tu non mi stai volendo bene a me …tu mi stai portando a un punto che mi devo comportare male, io non mi devo comportare male, ti ho detto… mi sono messo a disposizione, mi metto a disposizione se hai un problema con qualcuno mi puoi venire a chiamare, ti insegno la mia abitazione…”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Chi spaccia il crack vende morte ai ragazzi” CLICCA PER IL VIDEO

Seconda parte dell’intervista de ilSicilia.it a Francesco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. L’importanza delle strutture nei quartieri delle città, le proposte dal basso e le iniziative legislative sul tema della tossicodipendenza.

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.