Condividi

Politiche, i candidati del M5S a Messina: “Cuore, coraggio e l’80% del programma finito”

lunedì 5 Settembre 2022

Ci presentiamo con cuore e coraggio, ma soprattutto con la consapevolezza d’aver fatto le cose, completato l’80% di quanto previsto nel programma. Non guardiamo i sondaggi ma vogliamo raccontare nei territori cosa è stato portato avanti”.

I candidati di Camera e Senato per il M5S rivendicano tutto l’orgoglio delle radici e dei principi del movimento, non nascondendo gli errori del cammino e l’aver anche non raccontato strada facendo quanto si portava a termine.

“Se si lavora a Roma, con impegno, può capitare di non riuscire a dare la narrazione esatta di quel che si è fatto e lo abbiamo pagato”.

In conferenza stampa la sottosegretaria Barbara Floridia (capolista al proporzionale Senato nonché candidata all’uninominale Senato Sicilia Orientale), la deputata uscente Angela Raffa (capolista al proporzionale Camera), la senatrice uscente Grazia D’Angelo (candidata al collegio uninominale Camera Messina e nel listino del proporzionale), Salvatore Granata e Cinzia Amato.

Abbiamo invertito la rotta. Prima le risorse andavano a Confindustria, alle grandi imprese. Ora, con il reddito di cittadinanza, il superbonus, il cash back, vanno ai cittadini -spiega Angela Raffa– Abbiamo impedito le delocalizzazioni, abbiamo portato risultati che probabilmente non abbiamo raccontato in quel momento, ma lo stiamo facendo adesso e siamo certi che la gente lo capisce perfettamente chi ha lavorato bene e chi no”.

Sul piano locale le tre esponenti del M5S rivendicano alcuni risultati importanti, come la nascita dell’Autorità dello Stretto (che è stata aggiunta rispetto a quelle individuate da Delrio) e che è frutto di una battaglia tutta pentastellata che altri ritenevano impossibile, nonché il no all’inceneritore del Mela anche contro il sì netto della Lega ai tempi del Conte I.

I sondaggi danno il M5S in salita rispetto ad un mese fa, alla caduta del governo Draghi, ma i 5Stelle ricordano di non averli mai guardati né quando erano con il vento in poppa né nei momenti difficili. “Siamo dalla parte giusta e le nostre scelte stanno riscontrando l’adesione dei cittadini”, spiegano.

Barbara Floridia

“Ci presentiamo con cuore e coraggio- spiega Barbara Floridia– Con il cuore perché ci siamo presi carico delle difficoltà degli ultimi. Con coraggio perché abbiamo portato a termine l’80% delle cose annunciate. Abbiamo portato in Parlamento il maggior numero di eletti laureati, che lavorano e donne”.

Difendono il reddito di cittadinanza ricordando che la misura prevedeva anche una fase due, quella delle politiche attive del lavoro e che ad esempio le lacune su questo punto sono state delle Regioni: “Sugli 11 mila addetti ai centri per l’impiego che dovevano essere assunti proprio per agevolare la fase 2 ne sono stati presi solo 3 mila dalle Regioni”.

La senatrice Grazia D'Angelo (M5S)
La senatrice Grazia D’Angelo (M5S)

Ci sono poi le battaglie che hanno portato all’inserimento in Costituzione della tutela dell’ambiente, o il reddito di dignità per le donne vittime di violenza, e ancora il superbonus, come sottolinea la senatrice uscente (peraltro la prima donna eletta al Senato di Messina) Grazia D’Angelo: “Siamo orgogliosi di quel che abbiamo fatto, sia per la Sicilia e per Messina che a livello nazionale. L’aver inserito la tutela dell’ambiente in Costituzione apre ad un’operatività legislativa che mancava. Quel 2050 nel simbolo è per noi un faro, la data entro la quale bloccare il disastro climatico. La nostra visione, come dice Conte, è quella che mette l’uomo al centro, il nuovo umanesimo”.

Salvatore Granata (candidato al plurinominale Camera) e Cinzia Amato (plurinominale Senato Sicilia orientale), si sono soffermati sul fatto che spesso la disaffezione dei cittadini sia legata alla disinformazione o minore conoscenza dei fatti.

Il governo Draghi ha smantellato o iniziato a smantellare quello che avevamo fatto-commenta Granata-non potevamo stare fermi”. Uno degli avversari da battere è l’astensionismo che in Sicilia ha toccato percentuali allarmanti.

Ma noi non sottovalutiamo gli italiani- dichiara Cinzia Amato- La gente non arriva a metà mese, ha fame non solo di cibo, ma anche di dignità”.

Tutti i candidati si dicono certi che il programma del M5S e i risultati dei due governi Conte siano i punti fermi che porteranno sorprese alle urne rispetto ai sondaggi.

La legge elettorale ci ha costretto ad allearci con partiti con i quali non avevamo nulla in comune. Facciamo tesoro dei nostri errori, ma sappiamo di essere credibili perché abbiamo portato risultati. La credibilità è la nostra forza”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.