Condividi

Politiche, i candidati Pd a Messina: “Espressione del territorio”. E su Navarra: “Non siamo un taxi”

domenica 28 Agosto 2022

Non lasciano, anzi rilanciano e rivendicano il senso d’appartenenza e l’orgoglio delle radici. “Siamo soddisfatti perché questa lista è espressione totale del territorio del nostro collegio”.

Si presentano così i quattro candidati Pd alle Politiche:  Felice Calabrò, Giacomo D’Arrigo, Laura Giuffrida, Antonella Russo (i primi tre corrono per i seggi alla Camera la quarta al Senato) ed evidenziano biografie coerenti e frutto di storie di radicamento nel territorio. La conferenza stampa a 24 ore dal terremoto Pd per le Regionali con il ritiro di De Domenico e Navarra che vira verso Forza Italia ed a pochi giorni di distanza dal divorzio Pd-5stelle.

E’ questa la vera notizia che però a quanto pare non fa notizia- spiega Felice Calabrò, consigliere comunale e candidato nel collegio uninominale Camera a Messina-In questa lista c’è chi è sempre stato qui, chi ha una storia Pd. Ed è ora di dire che il Pd non è un taxi e non vuol esserlo più. Mi auguro che gli elettori premino la coerenza, il Pd non è un partito personalizzato, ma una comunità”.

Durissimo l’intervento di Calabrò che è anche stato candidato sindaco per il Pd nel 2013, quando perse l’elezione per 49 voti (fu eletto Accorinti). Le frecciate sia di Calabrò che degli altri candidati sono dirette a Navarra, che da deputato uscente (eletto nel 2018) non è stato ricandidato ed ha spostato il suo sostegno a Beppe Picciolo (passato in Forza Italia) e al segretario cittadino Pd (ormai ex) che si è ritirato dalla corsa per l’Ars e dalla politica. Insomma i due deputati che avevano creato la “corrente accademica” nel 2017 diventando i due eletti dem (De Domenico all’Ars e Navarra alla Camera) hanno lasciato il partito un giorno prima dalla presentazione liste.

La risposta, per dirla con Antonella Russo, candidata all’uninominale Senato ed al proporzionale Senato è secca: “Il Pd è un partito corale, non padronale. Nel 2017 siamo stati molto inclusivi con la corrente accademica, le conseguenze si vedono adesso.  Hanno eletto due deputati ed ora che è mancata la ricandidatura e reagiscono così…… La coerenza è difficoltosa ma noi abbiamo tatuati i valori del Pd”.

 

Di fatto la rivoluzione interna al partito, quella che, dopo le amministrative era stata rimandata a novembre è stata accelerata e quanto accaduto tra i dem con le candidature nazionali e con il divorzio dal M5S sta spingendo il partito a ricominciare, esattamente com’era accaduto nel 2015 quando Francantonio Genovese passò (con truppe e voti) a Forza Italia.

Le biografie di ciascuno di noi sono la biografia del pd di questo territorio. Lavoro, giovani, sviluppo i settori nei quali concentrarci-ha commentato Giacomo D’Arrigo, ex presidente dell’Agenzia nazionale Giovani e candidato al plurinominale Camera-Il Pd ha una forza che è superiore a quella dei singoli. E’ stato un errore 5 anni fa aver permesso a Navarra di essere candidato, ma la vedovanza non è una categoria della Politica”.

In campo quindi senza complessi d’inferiorità e non certo per leccarsi la ferite ma per trasformare la crisi in opportunità di crescita: “ Noi sappiamo bene che la politica tutta sia sotto processo e che lo sia il PD, in particolare il PD Messina, ma noi siamo qui forti della nostra coerenza, dignita’ , lealta’ ed e’ questa la  forza che ci consente di essere qui a testa alta- ha dichiarato Laura Giuffrida, candidata al plurinominale della Camera. Ma non basta essere qui a parlare tra addetti ai lavori, noi dovremo essere capaci di intercettare quella ” sinistra diffusa” che e’ presente nella nostra societa’, nel civismo, nelle associazioni di volontariato e che deve poter ritrovare nel partito democratico il proprio punto di riferimento perche’ da troppo tempo non e’ piu’ cosi‘.”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il popolo del Reddito di Cittadinanza in rivolta a Palermo: “Meloni, non siamo parassiti” CLICCA PER IL VIDEO

Numerosi percettori del reddito di cittadinanza si sono riuniti per protestare contro la riforma del governo Meloni

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.