Condividi
L'udienza

Processo Montante, Musumeci: “Fu uno degli artefici della mia sconfitta”

lunedì 12 Febbraio 2024

Antonello Montante fu uno degli artefici della mia sconfitta alle elezioni del 2012 per la presidenza della Regione. Nel senso che ha individuato e sostenuto la candidatura di Rosario Crocetta alla presidenza sostanzialmente in alternativa alla mia”. Lo ha detto il ministro per la protezione civile e per le politiche del mare Nello Musumeci, sentito oggi come teste al processo sul cosiddetto Sistema Montante, a Caltanissetta, che vede imputato l’ex presidente di Confindustria Sicilia Antonello Montante ed esponenti di forze dell’ordine, della politica e dell’imprenditoria.

“Il dottore Montante – ha continuato Musumeci rispondendo alle domande del pm Davide Spina – nel primo incontro che abbiamo avuto mi disse che per combattere la mia candidatura e farla divenire soccombente si riteneva di puntare su Crocetta come candidato perché gay dichiarato, perché il suo impegno antimafia appariva sincero, schietto, determinato e parlava di rivoluzione in una società nella quale il politico tradizionale aveva difficoltà ad attecchire”.

“Antonello Montante si complimentò con me perché avevo deciso di difendere Crocetta nel suo ruolo istituzionale a proposito di un intervento del presidente del consiglio di allora Matteo Renzi che ritenni fuori le righe”. “Esaltava questo mio spirito istituzionale – ha continuato Musumeci – che a lui appariva assolutamente inedito. Lui ci teneva a ringraziarmi e a dirmi che non aveva alcun pregiudizio nei miei confronti. Io apprezzai visto che arrivava da quello che io ritenevo un avversario. Mi disse che voleva incontrarmi per un caffè e spiegarmi tante cose di cui non ero a conoscenza”.

Musumeci ha raccontato il suo primo incontro con l’ex leader di Confindustria condannato a 8 anni di carcere per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, e accesso abusivo al sistema informatico. “A quel punto ci incontrammo – racconta Musumeci – e mi chiese dei miei figli. Gli raccontai di mio figlio che era morto giovanissimo per un infarto e dell’altro mio figlio che faceva l’attore ed era all’avvio della sua carriera artistica. Lui mi disse che se volevo poteva parlare con il direttore artistico del Teatro Stabile di Catania. A chiusura del primo incontro mi disse cosa volevo che facesse per me. Io dissi nulla e che semmai poteva organizzare un incontro con i vertici della sua associazione. Avevo interesse a far saltare questo patto tra il mondo imprenditoriale da una parte e la sinistra dall’altra. Incontrare ed entrare in un dialogo con il mondo imprenditoriale per me significava aprire una pagina nuova. Mostrò disponibilità e mi fissò un altro incontro in agosto 2015 e incontrai il rappresentante dell’organizzazione. Fu un incontro più da presentazione che da confronto con l’impegno che ci saremo rivisti. Impegno che non si è poi concretizzato”.

“L’assessorato ai rifiuti inevitabilmente godeva della influenza di Antonello Montante perché tra gli uomini di Montante c’era Catanzaro, che gestiva una delle discariche più importanti in Sicilia. Io da presidente della commissione antimafia l’ho sentito e interrogato più volte. Era un’influenza strutturale non politica” ha detto il ministro Nello Musumeci.

“Il condizionamento del ‘cerchio magico’ – ha specificato Musumeci – era evidente. Il cerchio magico è una sorta di loggia dove ognuno ha un ruolo e tutti si lavora per mantenere saldo il controllo del potere politico ed economico. Nel governo di Rosario Crocetta il potere politico era curato da Lumia e Crocetta era una sorta di esecutore. E il potere economico era curato da Montante. Di questo cerchio magico faceva parte anche la dottoressa Monterosso, segretario generale della Regione. Per un certo periodo anche il presidente o commissario di riscossione Sicilia, l’agenzia che aveva il compito di riscuotere le tasse, cioè l’avvocato Antonio Fiumefreddo. Il cerchio magico era una struttura particolarmente elastica. Ne faceva parte anche il dottore Antoci che insieme a Montante era uno degli apostoli dell’antimafia in Sicilia. Io sono intervenuto per rimuovere Antoci dalla carica di presidente dell’Ente Parco dei Nebrodi”.

Montante faceva sempre notare nei suoi discorsi che disponeva di tante amicizie e che se avessi avuto bisogno poteva intervenire lui. Mi disse che il direttore di Panorama Giorgio Mulè era suo cugino e che se avevo bisogno di una sua intervista poteva intervenire lui. Io dissi che semplicemente avrei voluto che la stampa non avesse pregiudizi nei miei confronti. Dopo qualche tempo ricevetti in effetti la chiamata di Mulè ma non rilasciai alcuna intervista” ha detto Musumeci durante la sua deposizione a Caltanissetta.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.